Satyagraha: lo zelo per la verità

Ci sono due parole, satya e agraha. Satya è la verità e agraha è il desiderio di seguire i principi della verità, il proprio zelo per la conoscenza della verità. Se uno è entusiasta e desideroso di seguire i principi della verità, allora è satyagraha. A volte in India, i lavoratori delle fabbriche scioperano perché sono scontenti dei loro capi, o alcuni individui che sono disturbati dalle politiche del governo digiunano per diversi giorni per raggiungere i propri scopi. Quindi dicono che stanno seguendo la satyagraha.

Ci sono due parole nella vita del Mahatma Gandhi: ahimsa e satyagraha. Le persone confondono sempre questi due termini, ma non sono affatto la stessa cosa. Ahimsa è la non violenza. Abbiamo sempre a cuore l'ahimsa, perché Dio è tutto amore. Dentro di noi ci sono molte cose contro cui dobbiamo combattere. Dobbiamo combattere contro l'ignoranza, il dubbio, la paura, le preoccupazioni e le ansie perché queste cose interiormente ci ostacolano. Ma la lotta esteriore, dal punto di vista spirituale, dovrebbe essere evitata.

Di nuovo, può essere Volontà del Supremo che combattiamo esteriormente, come quando il Signore Krishna chiese ad Arjuna di combattere per sradicare l'ignoranza. Ma il combattimento è necessario solo in occasioni speciali, quando è la specifica Volontà di Dio. In generale, non dovrebbe esserci violazione dell'autorità, perché distrugge il nostro equilibrio interiore. Qui non mi schiero in politica, né mi riferisco a conflitti particolari in luoghi diversi. No, è dal punto di vista puramente spirituale che vi dico questo.

Quando cerchiamo di seguire la verità creata dall'uomo, sentiamo di dover giustificare questa verità con la nostra mente razionale. Qualcuno dirà che il suo stipendio non è abbastanza alto; quindi secondo la sua verità, sente che dovrebbe scioperare per ottenere salari più alti. In questo modo, si atterrà alla propria verità. Ma chissà se la sua richiesta è giustificata o meno? Ma nella vita spirituale, quando si parla di satyagraha, ha un significato diverso. Si riferisce alla verità spirituale. Qui pensiamo al divino cercatore che, con costante gioia interiore, cammina sulla via della verità e dedica tutta la sua vita alla verità.

Nel comune satyagraha, cerchiamo di ottenere la verità con le buone o con le cattive. O continueremo a digiunare, o faremo sciopero, e in questo modo cercheremo di portare a termine la cosa. Ma il vero satyagraha, dal punto di vista spirituale, non è così. Là vogliamo vedere la verità attraverso la resa alla Volontà di Dio. Il cercatore vuole perseguire la verità, ma mentre persegue la verità sente la necessità di arrendersi alla Volontà di Dio. Sente che è la Volontà di Dio che gli sta dando la capacità di seguire la via della verità, ed è la Volontà di Dio che gli darà la capacità di vedere la verità.

Nel comune satyagraha, l'individuo vive ventiquattro ore al giorno senza verità, ma per soddisfare le esigenze del suo fisico, vitale e della sua mente, vuole mostrare al mondo che sta seguendo il sentiero della verità e offrendo luce al mondo. Questo non è affatto spirituale. Ma nel satyagraha spirituale, si vede la verità e si anela per essere la verità stessa; si vuole soltanto essere il tedoforo della verità. Poi ci si attiene alla verità e si offre la propria vita alla verità. Non piange a Dio per la realizzazione dei propri desideri. Ci si arrende e si dice a Dio: "Se è la Tua Volontà, allora fallo per me. Se non è la Tua Volontà, allora non farlo per me. Voglio solo appagarTi."

Quindi nella vita spirituale, satyagraha significa resa totale e devota alla Volontà della Verità, e questa Verità è Dio. Il nome di Dio è Verità. Come possiamo ottenere la Verità? Non è per forza, non per coercizione, ma solo per aspirazione costante e resa costante alla Volontà della Verità, alla Volontà di Dio.