Vita e morte, Atman e Paramatman1

Le Upanishad vengono dai Veda. Contengono le registrazioni delle Verità eterne. Queste Verità furono scoperte da vari veggenti in tempi diversi e trasmesse all'umanità.

La vita è un problema, così lo è, pure, la morte. Gli Ariani dell’antico passato, che aspiravano, volevano risolvere questi due problemi. Ben presto si accorsero che i loro sensi non avrebbero potuto quasi aiutarli a risolvere questi due problemi principali. Si resero anche conto che solo la conoscenza della Realtà ultima può risolvere, una volta per tutte, i problemi della vita e della morte.

All'improvviso arrivarono due soldati divini. Nessuno sa da dove venissero. Questi due soldati erano l’Ispirazione e l’Aspirazione. Il primo soldato, l’Ispirazione, comandò loro: "Abbandona lo studio del corpo." Lo fecero immediatamente. Il secondo soldato, l’Aspirazione, comandò loro: "Intraprendi lo studio dell'anima." Lo fecero immediatamente. Così, il Re e la Regina della Sponda Dorata dell’Aldilà li premiarono, i cercatori, i veggenti e i conoscitori di Luce e Verità.

Cosa significano veramente le Upanishad? Se chiedi a un cercatore occidentale, immediatamente dirà: "Molto semplice. Siediti ai piedi del Maestro e impara." Se poni la stessa domanda ad un ricercatore orientale, dirà tranquillamente: "Molto difficile. Trasforma l'oscurità umana in Luce divina." Sia il ricercatore occidentale che quello orientale hanno perfettamente ragione. Se non c’è alcun Maestro, non si ottiene nessuna scoperta della Realtà trascendente. Se non avviene alcuna trasformazione delle tenebre, non si avrà alcuna manifestazione della Divinità sulla terra.

Chi ha bisogno della Verità? Un cercatore. Quando raggiunge la Verità? Raggiunge la verità quando diventa l’amante abbandonato e divino.

Il suo primo risultato è Dio il Creatore.
Il suo secondo risultato è Dio il Conservatore.
Il suo terzo successo è Dio il Trasformatore.
Il suo quarto successo è: Tu sei Quello.
Il suo quinto risultato è: Io sono Quello.
Il suo sesto successo è: Io e Lui siamo uno.
Il suo settimo successo è: Io sono Lui.
Nel Creatore vede.
Nel Conservatore sente.
Nel Trasformatore diventa.

Il cuore delle Upanishad è il purusha. La vita del purusha è il messaggio delle Upanishad. Chi è il purusha? Il purusha è il vero abitante del corpo dell'universo. Il Purusha è triplice: l'atman esteriore, l'atman interiore e il paramatman.

L'atman esteriore è il corpo fisico materiale. L'atman esteriore è ciò che cresce nel corpo, con il corpo e per il corpo. L'atman esteriore è l'identificazione del proprio corpo con l'aspetto materiale della vita. Qui viviamo, siamo feriti, feriamo gli altri, godiamo il piacere dagli altri, offriamo piacere agli altri. Questo atman esiste, cambia, si sviluppa e infine decade.

L'atman interiore è il Sé discriminante. L'atman interiore si identifica con l'aspirante coscienza della terra. Si identifica con l'aria, l'etere, il fuoco, l'acqua e la terra. L'atman interiore è il pensatore, l'agente e il messaggero diretto di Dio. L'atman interiore manifesta la sua realizzazione interiore attraverso l'esperienza esteriore.

Il paramatman si rivela attraverso il processo dello Yoga. Non è né nato, né muore. È al di là di tutte le qualità. È onnipervadente, inimmaginabile e indescrivibile. È la Realtà dell'Eternità e la Divinità della Realtà.

Ogni Upanishad è una possente goccia dalla fonte della Vita eterna. Questa goccia può facilmente curare gli innumerevoli mali della vita umana. L'infinita Potenza di questa goccia ci può liberare dalla rotazione senza fine della nascita e della morte umane.

La mente, assistita dal corpo, crea schiavitù. Il cuore, aiutato dall'anima, offre liberazione. La mente che non aspira produce pensieri inutili e affonda verso il basso. Pensa troppo e affonda troppo velocemente. Il corpo cieco scava costantemente la propria tomba. Il cuore vuole amare ed essere amato. Dio dà al cuore la vita di unità. L'anima vuole rivelare Dio. Dio appaga l'anima e, facendo così, fa discendere il Messaggio di Perfezione nella Divinità della Realtà manifestata.


  1. UPA 6. Brown University, Providence, RI, 9 Febbraio 1972