Parte II

SCS 259-264.-it Domande poste dopo Immaginazione, ispirazione, aspirazione e realizzazione.

Domanda: Ho avuto un'esperienza l'anno scorso. Non so dove fossi, ma mi sentivo abbastanza dentro di me e mi trasformai in correnti d'acqua. La fonte dell'acqua veniva da dietro di me e mi resi conto che se la fonte dell'acqua si fosse fermata, non sarei esistito. Volevo guardarmi dietro perché era tutto luce ma avevo paura di girarmi, in parte perché pensavo che avrei interrotto la connessione e poi non sarei più esistito, e in parte perché pensavo che fosse un po' troppo luminoso. Era solo immaginazione o aveva un significato spirituale?

Sri Chinmoy: Sì, aveva un enorme significato spirituale. L'acqua significa coscienza. Nella vita spirituale, abbiamo a che fare solo con una cosa: la coscienza. Quando la coscienza è bassa, siamo come animali, quando la coscienza è alta, ti dico che non siamo in alcun modo inferiori agli dei cosmici e quando la nostra coscienza diventa parte integrante del Supremo, in quel momento diventiamo una sola cosa, inscindibilmente una sola cosa, con la Coscienza Universale.

La corrente che hai menzionato è il flusso dal Supremo. Corrente significa vita. Il movimento della vita fluirà verso l'Aldilà, che è in continua trascendenza. Quando sei consapevole della Sorgente e, allo stesso tempo, senti di appartenere alla Sorgente, non avrai paura, ma, se ti separi e senti di non essere con la Sorgente, arriva la paura. Se sei un tutt'uno con la coscienza finita, con il fisico, sei spaventato a morte quando vedi la Sorgente. Guardi dietro verso la Fonte e sei spaventato a morte, perché la Fonte è come l'oceano infinito mentre tu sei come una piccola goccia. Naturalmente, avrai paura, perché stai vedendo qualcosa che può divorarti in qualsiasi momento, ma se riesci a sentire la tua unità con la Sorgente, non avrai paura. Il mignolo non ha paura del resto del corpo, perché è parte integrante del corpo. Quando separi il mignolo dalla coscienza del tuo corpo, senti che è insignificante, non può fare nulla, ma quando porti la coscienza delle dita in tutto il corpo, il dito sente che è significativo. Lascia che qualcuno ti pizzichi il mignolo e immediatamente tutto il tuo corpo inizia a urlare, perché il corpo ha stabilito la sua unità con il mignolo.

L'Infinito ha già stabilito la sua unità con te, ma il finito riceve una sorta di piacere maligno nel separarsi dalla Sorgente. È come un bambino birichino e disobbediente che riceve soddisfazione restando fuori fino a tardi, così i suoi genitori penseranno a lui e si preoccuperanno. Sa di avere una casa, che i suoi genitori lo stanno aspettando. Ha un letto molto comodo e tutto da mangiare, ma non lo vuole. Se riesce a stare fuori in strada o a vagabondare da qualche parte, questo è ciò che gli dà gioia. Il finito vuole sempre mantenere la sua separatività, poi, in seguito, il finito si sente infelice perché ha perso la sua connessione con la Sorgente. Sembra impotente, senza speranza, inutile. Quando accettiamo la vita spirituale, abbiamo già scoperto i limiti del finito, conosciamo i limiti della nostra coscienza corporea, della nostra vita terrena. Cosa facciamo? Cerchiamo consapevolmente di entrare nella Sorgente e diventare l'Infinito. Quando il finito è tutt'uno con la Sorgente, solo allora il finito ha un'opportunità costante di manifestare l'Infinito.

Quindi, nel tuo caso, all'inizio sei uscito dalla tua Coscienza Infinita e sei diventato la coscienza finita. Eri consapevole dell'Infinito, ma sfortunatamente non hai stabilito la tua unità con esso. Il legame di collegamento non era abbastanza forte. Se avessi avuto il collegamento ben consolidato, avresti sentito il canto dell'Infinito nel finito e sentito il compimento totale del finito nell'Infinito. L'acqua è coscienza e la corrente è il flusso della vita. È così che il finito e l'Infinito possono vivere insieme quando il finito realizza la sua incapacità ed entra nell'Infinito. La Sorgente sa sempre che deve manifestarsi attraverso il finito, solo allora otterrà la massima soddisfazione e il finito ottiene il suo compimento entrando nell'Infinito.

Se la Vastità gioca il suo ruolo nella più piccola goccia, questo è un vero miracolo. Ancora una volta, se la più piccola goccia può diventare una cosa sola con la Vastità, anche questo è un miracolo. Il finito non ci prova, il finito sente che è impossibile. Nel caso dell'Infinito, l'Infinito sente che nulla è impossibile, è solo una questione di tempo.