Parte II — Commenti e discorsi

Esperienze di Risveglio della Vita1

Molti anni fa c'era un discepolo nel nostro Centro il cui figlio era stato, nella sua immediata incarnazione passata, un discepolo molto, molto devoto di Sri Ramakrishna. Egli non realizzò Dio, ma era un discepolo diretto molto devoto di Sri Ramakrishna. Da Calcutta questo discepolo andò a Madras e a Mylapore. Fu allo Sri Ramakrishna Ashram di Mylapore che io ebbi un'esperienza con Sarada Devi nel 1964.

Andai a Mylapore per ritirare un modulo "P", una specie di visto che costava otto dollari. Mi serviva nel caso in cui i miei sponsor non venissero a prendermi all'aeroporto di New York. Per più di due settimane sono rimasto a Madras, ma non ricevevo il modulo Ogni giorno andavo in un grande edificio del governo, ma non c'era il modulo P.

Una sera andai allo Sri Ramakrishna Ashram. Camminai per due miglia e mezzo o tre miglia dall'albergo dove alloggiavo. C'erano enormi immagini di Sri Ramakrishna, Swami Vivekananda e Sarada Devi nell'ashram. Ero in piedi davanti alla foto di Sarada Devi con gli occhi pieni di lacrime. Dissi: "Madre, sto aspettando qui, ma non ricevo il mio modulo P."

Sarada Devi mi disse: "Vai là domani. Vai alle undici."

Ho detto: "Madre, madre, domani è sabato."

Lei di nuovo disse: "Vai."

Tutti i dubbi del mondo intero entrarono in me! Di nuovo, mi dissi: "Sarada Devi è un'anima realizzata in Dio. Come può sbagliarsi?" Ero combattuto tra il dubbio e la fede. La mia barca della vita si muoveva tra dubbio e fede, dubbio e fede. Sabato un ufficio governativo così grande mi avrebbe dato il mio modulo? Impossibile!

Ancora una volta Sarada Devi disse: "Vai!"

Il giorno dopo ci andai. Era un edificio enorme, con molti gradini. Non camminai. A quei tempi non sapevo camminare, sapevo solo correre! Salii i gradini molto velocemente.

Quando arrivai all'ultimo gradino, una ragazza magra e dalla pelle scura aprì la porta e disse: "Mr. Ghose?"

Io dissi di sì."

Mi diede il mio passaporto e il modulo P. Poi chiuse la porta e scomparve. Dio sa dove andò! Questo è quello che successe nella mia vita.

Quella notte entrai nella mia meditazione più alta. Quando entro nella mia meditazione più alta, so tutto. Quando non entriamo in meditazione, siamo come dei mendicanti assoluti. Questo lato è dubbio, quel lato è fede; non sappiamo cosa fare. Nella mia meditazione ho visto che questa ragazza era una discepola dello Sri Ramakrishna Ashram e una devota di Sarada Devi. Andò in quel tempio. Madre Sarada Devi era apparsa davanti a lei e le aveva detto di darmi il passaporto e il modulo P. Altrimenti come mi avrebbe aperto la porta alle undici di sabato? Questa storia è vera al cento per cento.

Tutti lottiamo con il dubbio. Perché dobbiamo lottare? Abbiamo una fede implicita. Sono il tuo Maestro spirituale. Se ti dico di andare a prendere un modulo dall'ufficio immigrazione di sabato, allora vai! Esteriormente può sembrare assurdo. Questa mia esperienza sembrava il colmo dell'assurdo. Così, nella mia vita sono successe molte altre cosiddette cose assurde.

A Pondicherry, poco prima, ebbi un'altra esperienza. Avevo bisogno dell'autorizzazione della polizia per ottenere il mio passaporto. Il manager dell'Ashram doveva solo dire che mi ero comportato bene. Era così affezionato a me! Ma la Madre dell'Ashram non voleva che me ne andassi. Per più di un mese ho aspettato. Il direttore mi voleva davvero tanto bene, ma la madre non voleva darmi il permesso, quindi non potevo lasciare Pondicherry. Lo pregai. Egli disse: "Cosa posso fare?"

Poi andai a casa del mio più caro amico. L'intera famiglia mi era così devota, non solo amorevole, ma assolutamente devota. Verso mezzanotte stavo chiacchierando con loro. Uno dei membri della famiglia aveva l'abitudine di fumare e bere. Nell'Ashram era proibito fumare e bere, ma non credeva in quelle regole. Quel tizio morì giovane, all'età di ventotto anni. Mi voleva molto bene e io ero molto affezionato a lui. In quella grande famiglia, era l'unico che beveva e fumava. Ero nella loro cucina, chiacchieravo con tutta la famiglia. Questo tizio ha messo le sue mani sulle mie spalle. Era molto ubriaco, lo sentivo. Disse: "Chinmoy-da, perché sei così triste? Cosa c'è che non va in te?"

Ero triste. Dissi: "Cosa farò? Non posso lasciare l'Ashram, perché la Madre non me lo permette. Non mi permetterà di ottenere il nulla osta della polizia. Non permetterà al manager di dire alla polizia che mi sono comportato bene."

Disse: "Non preoccuparti! Adesso vado dal capo della polizia."

Risposi: "Cosa stai dicendo?"

Disse: "Proprio ora stavamo bevendo insieme, quindi andrò a casa sua." Come potevo credergli?

Andò a casa del capo della polizia sulla sua moto. Che rumore faceva! Dopo cinque minuti tornò di nuovo. La moto vinse! Il mio amico disse: "Domani il capo della polizia firmerà il modulo di autorizzazione per te."

Io dissi: "Lui non sa chi sono!"

Il mio amico rispose: "Non è necessario. Domani mattina puoi andare alla stazione di polizia. Ha promesso."

Mi dissi: "Il mio amico è ubriaco, e il suo amico è forse più ubriaco. Sono intrappolato tra due ubriaconi!" Ma provavo un tale amore per questo tizio.

Il giorno dopo andai alla stazione di polizia, e subito mi diedero il modulo. Chi l'aveva firmato? Il capo del dipartimento di polizia.

Poi andai a mostrare il modulo al manager. Mi chiese come avevo fatto e io glielo dissi. Successe poco prima che andassi a Madras.

Hai visto una mia fotografia a Pondicherry dove indosso un cappello. La mia testa è ben rasata. Quel giovane era il fotografo. Scattò quella foto in particolare circa due mesi prima della mia partenza per l'America. Aveva un cuore molto buono. Il suo nome era Gopal, il Signore Krishna. Ahimè, morì all'età di ventotto anni.

Due miracoli! Esteriormente, diremmo che queste esperienze hanno raggiunto l'apice dell'assurdo. Dobbiamo andare oltre la mente. La mente non sarà in grado di comprendere storie così assurde.

Un'altra storia che posso raccontare su un'affermazione assurda che si è rivelata vera. Il prozio di Mahatapa era professore a Shantiniketan. Ad un certo punto, venne in America per insegnare filosofia indiana alla Missouri University. Insegnò là per due anni. La sua lamentela era che alcuni studenti si comportavano molto male! Era molto, molto, molto affezionato a me.

Alla fine del 1960, questo signore tenne una serie di discorsi all'Ashram. Non avevo idea di andare in America in quel momento, figuriamoci di avere uno sponsor! Mi stavo preparando con tutto il cuore per l'Himalaya. Mi dissi: "Questo è il momento per me di andare in Himalaya." Questa era l'intera storia. Non pensavo di andare in America.

Questo professore mi voleva così bene. Durante un discorso all'Ashram, stava leggendo il suo giornale, che era lungo circa dieci pagine. Dopo aver letto la seconda pagina, si fermò. Disse: "Vedo chiaramente che il nostro Chinmoy un giorno andrà in America e farà un gran rumore!" Tutti ridevano e ridevano di lui! Ero in terza o quarta fila. C'erano almeno ottocento persone tra il pubblico. L'intero cortile era pieno e egli stava leggendo in un microfono. Dopo aver letto due pagine, ha avuto quell'ispirazione: "Posso vederlo chiaramente." Tutti risero! Di nuovo, non avevo mai pensato di andare in America, mai! Mi stavo solo preparando per l'Himalaya.

Sei o otto mesi dopo, Sam Spanier venne all'Ashram. Stavo uscendo dal cancello principale. stavo andando molto veloce. A quei tempi, credetemi, non camminavo. Mi muovevo molto, molto velocemente; Stavo quasi correndo. Dio sa, forse avevo fame ed era ora di mangiare. Ero di fretta. Sam Spanier mi fermò. Disse: "Fratello, fratello, per favore mi dici qualcosa su Sri Ramakrishna e Madre Kali?"

Ahimè, ero un discepolo dello Sri Aurobindo Ashram e lui mi chiedeva di dirgli qualcosa su Sri Ramakrishna. Era venuto allo Sri Aurobindo Ashram e mi stava chiedendo di un altro Guru!

Dissi: "Va bene, molto bene. Andiamo al parco." C'era un parco a circa ottocento metri dal cancello principale. Andammo al parco e mi fece tante domande su Sri Ramakrishna, nonostante fosse venuto allo Sri Aurobindo Ashram per diventare un discepolo. Risposi a tutte le sue domande. Era molto felice. Poi disse: "Dovrò portarti in America."

Poi una signora americana venne all'Ashram. Era così devota. Voleva diventare il mio sponsor. Il suo nome era Anne Harrison.

Ora per tornare dal parente di Mahatapa, come ha potuto avere una visione del genere? Non aveva mai discusso di niente con me. All'improvviso succede di tutto. Sono sicuro che tutti hanno avuto quel tipo di esperienza. Sembra assurdo, assurdo; ma proprio questa assurdità risveglia la nostra vita.


  1. GMG 22. 24 Novembre 2005, Isola di Pangkor, Malaysia