Domanda: Guru, il 13 aprile 1964, com'era il tempo? Quando sei uscito all'aria aperta, sei rimasto sorpreso dall'aria più fresca sul tuo viso? Ti ha scioccato?6

_Sri Chinmoy:_ La curiosità regna sovrana! Il 13 aprile 1964, all'aeroporto, divenni curiosità - più, forse, impotenza. Un gentiluomo indiano è stato così gentile con me. Sapeva che ero perso, completamente perso, quindi mi ha aiutato. Mi ha chiesto se qualcuno fuori mi stava aspettando. Ho detto: "Sicuramente i miei sponsor mi stanno aspettando."

Il tempo era molto buono, molto buono, non come il tempo di oggi. Mi è piaciuto tutto il 13. Era come un mondo dei sogni.

Quando venivo a New York, meditavo per ore e mi divertivo a guardare le vetrine! Ogni notte meditavo e meditavo, e poi parlavo con il Signore Buddha. Il mio sponsor, Sam Spanier, aveva un'enorme statua del Signore Buddha che era assolutamente viva, viva, viva. Meditavo e parlavo, parlavo, parlavo con il Signore Buddha.

Greenwich Village! Oggi non so come sia, ma a quei tempi non aveva notte; era sempre giorno. C'erano migliaia di persone in strada. Verso le tre o le tre e mezzo del mattino uscivo. Il mio sponsor rimase scioccato. Come potevo uscire a quell'ora? Io dissi: "Ci sono così tante persone." Egli disse: "Non è sicuro." Così gli credetti, quindi smisi di uscire alle tre.

Avevo un altro sponsor. Il suo nome era Anne Harrison. Lei era estremamente, estremamente devota e affezionata a me. Suo marito era uno dei proprietari del _The New York Times_. Nella sua macchina era appesa una bambola. La bambola le "diceva" quando voltarsi e quando andare avanti. A volte passava con il semaforo rosso. Come mai? Perché la bambola le stava dicendo di andare avanti. Poi, quando c'era il verde, se la bambola non si muoveva, non si muoveva. Dovetti dire: "Anne, Anne, ti prego, quando sono nella tua macchina, per favore segui le luci rosse e le luci verdi!"

Andavo spesso a Woodstock. Anne Harrison fu molto gentile. Una volta, il giorno del mio compleanno, mi portò in una panetteria. Lei entrò nella panetteria e io rimasi in macchina. Venne un poliziotto e mi chiese di spostare la macchina. Io dissi: "Non so guidare". Egli rispose: "No, devi andare!" La macchina era accesa. Ho visto "R" e mi sono detto: ""R" significa "giusto". "Non sapevo niente di guida. La macchina della polizia era dietro di me, e molto bene mi sono precipitato contro di essa. Il poliziotto ha iniziò a gridare contro di me. Poi Anne uscì e iniziò a gridare al poliziotto. Lei disse: "Perché gli hai chiesto di guidare?" È stata un'esperienza molto divertente, un'esperienza significativa. Pensavo che "R" significasse giusto, ma "R" significava retromarcia.

Ho avuto molte, molte, molte esperienze felici e anche molte, molte, molte esperienze tristi. Le esperienze tristi le seppellisco con forza nell'oblio. Le belle esperienze, le esperienze sane, tento di ricordarle.

L'altro giorno, quando ero alla nostra mostra dei Jharna-Kala alle Nazioni Unite, sono venuti alcuni curatori significativi o assistenti curatori del Museo Guggenheim. Venne anche il capo della Società Asiatica. Nel 1965, quando lavoravo al consolato indiano, l'Asian Society voleva che il consolato mandasse un cantante per una funzione al Guggenheim. Volevano qualcuno che sapesse cantare canzoni bengalesi, e forse io ero l'unico bengalese disponibile. L'Asian Society voleva che mettessi in musica due poesie. Queste poesie furono composte trecento anni fa e il bengalese era un bengalese antico.

Andai alla funzione almeno quarantacinque minuti prima, ed ero all'interno del museo, a guardare fuori un lampione. Chi vidi? Il Signore Krishna! Abbiamo parlato e parlato e parlato. Abbiamo avuto una conversazione molto significativa!

Cantai e ricetti trenta dollari per due canzoni — non male! Venne qualcuno di molto importante della Società Asiatica.

I miei amici mi portarono a vedere i dipinti bengalesi al Guggenheim. Mai, mai nella mia immaginazione più sfrenata pensavo che sarei diventato un artista. E chi avrebbe mai pensato che sarebbe arrivato un momento in cui i miei quadri sarebbero stati esposti alle Nazioni Unite, dove tutte le nazioni si incontrano? Lunga vita a Ranjana, la mia curatrice. Tutta la mia opera d'arte è il suo contributo. Molti, molti anni fa in una minuscola stanza d'albergo a Ottawa, in Canada, ho iniziato la mia opera d'arte, con il suo incoraggiamento. Molte volte veniva da me la mattina quando disegnavo. Alcuni ragazzi mi hanno fatto una macchina. Mettevo i miei quadri sulla cinghia della macchina ed essa li portava dall'altra parte. Poi Ranjana veniva a raccogliere tutti i dipinti.

Cosa può fare l'incoraggiamento! Nella mia vita artistica, Ranjana è la prova. Abbiamo mostrato le mie opere d'arte in molti luoghi importanti e sono estremamente, estremamente grato a tutti coloro che mi hanno aiutato.

Avevo due o tre insegnanti d'arte nell'Ashram. Mi insegnarono a dipingere. Un grande artista di nome Sanjiban proveniva da Chittagong. Lui e mio fratello Hriday erano amici carissimi ed era molto vicino alla nostra famiglia. Quando iniziai a dipingere in America, disse a mio fratello Chitta: "Dì a Madal di non perdere tempo. Non diventerà mai un artista. Sta solo gettando inchiostro qua e là. Non potrà mai essere un artista." Questo era il suo commento.

Due o tre anni dopo, i miei quadri furono esposti. In quei giorni le nostre gallerie coprivano quasi un isolato a Manhattan e arrivarono alcune persone importanti. Furono così gentili da offrire le loro buone opinioni. Inviai a mio fratello Chitta i loro commenti, oltre ad alcuni dei miei nuovi dipinti. Cosa possono fare le opinioni degli altri! Immediatamente quell'artista, Sanjiban, cambiò idea. Disse: "O mio Dio, Madal è diventato un vero artista!" Tre anni prima aveva detto che non dovevo perdere tempo. Questa è la natura dell'opera d'arte. In questo momento si ottiene scoraggiamento, e il momento successivo è tutto apprezzamento.

Quest'uomo è un vero artista. Nella sala di meditazione dell'Ashram ci sono i suoi ritratti della Madre e di Sri Aurobindo. Non potete immaginare quanto siano belli! Sono assolutamente esseri viventi, i suoi ritratti nella sala di meditazione. C'è anche un busto di Sri Aurobindo. È stato eseguito da uno scultore dell'India meridionale ed è eccellente, eccellente, eccellente, eccellente.

Sono andato fuori strada nella mia risposta!


GMG 20-21. Sri Chinmoy rispose a queste domande il 13 aprile 2007 ad Aspiration-Ground in Giamaica, New York.