Domanda: Guru, ho sentito dire che i gatti possono portarti via il tuo progresso spirituale se sono intorno a te. È vero? Sono preoccupato perché ho un gatto in casa.4

_Sri Chinmoy:_ Alcune persone amano molto i gatti, mentre altre amano i cani. Altri ancora possono essere appassionati di cavalli e altri animali. Questi animali gentili - non tigri, leoni e pantere - possono insegnarci affetto e dolcezza, e anche noi possiamo offrire loro queste qualità. Tu dai affetto al tuo gattino e il gatto può darti affetto a modo suo.

Le persone sono così affezionate ai loro cani e i cani sono così affezionati ai loro padroni. Il padrone dà al cane solo un po' di cibo e il cane è pronto a dare la vita per il padrone in qualsiasi momento.

Non appena vedi il tuo gatto, quando il tuo gatto si muove intorno a te, il tuo affetto viene alla ribalta. Anche se hai il cuore di pietra, anche se sei portato a litigare e litigare e non c'è compassione nella tua vita, quando il tuo stesso gatto ti si avvicina e si muove intorno a te, leccandoti i piedi, in quel momento diventi il gentilissimo - una persona di cuore.

Non ho mai detto e non dirò mai che cani e gatti o altri animali che teniamo in casa ci porteranno via il nostro progresso spirituale — no! Non fanno che aumentare il nostro progresso spirituale. Se siamo affezionati a loro, se loro sono affezionati a noi, essi non ci toglieranno il nostro progresso spirituale. Di nuovo, ci sono certe storie immortali nel _Mahabhatata_. Sono storie molto rare. Una vecchia signora era molto, molto devota al Signore Krishna. Sri Krishna e Arjuna la stavano osservando. Arjuna disse a Sri Krishna: "Questa vecchia signora è così devota a te. Si sforza così tanto per prendersi cura della sua mucca. Non puoi darle dei mezzi in modo che non debba lavorare così duramente?"

Il Signore Krishna disse: "No, voglio che la mucca muoia," e la mucca morì. Come mai? Questa particolare signora era spiritualmente molto avanzata, quindi Sri Krishna voleva che non fosse attaccata a quella mucca, ma che pensasse solo a lui. Questo tipo di avvenimento è molto, molto raro. Quella signora era una devota di prim'ordine del Signore Krishna. I cercatori comuni, i cercatori in erba e i cercatori che sono stati sul sentiero spirituale per molti anni possono facilmente avere un gatto o un cane. Ma se uno è sul punto di realizzare Dio e l'attaccamento entra in gioco, allora non va bene. All'inizio della vita spirituale o nella fase intermedia, va bene avere un gatto o un cane. Tu sei affezionato a qualcuno, diciamo, e qualcuno è affezionato a te. Ma devi essere sicuro che questa tenerezza non sia attaccamento. L'attaccamento è completamente diverso. Non ho mai scritto e non scriverò mai nulla contro l'innocente simpatia.

Nella mia famiglia, ero per i cani e le mie sorelle erano per i gatti. È una questione di preferenza individuale. Molti anni fa, quando vivevo a Manhattan, mi è passato accanto il gatto di un devoto. Poi si è seduto sulle mie ginocchia. Voleva avere una nuova vita, una vita umana, e io ho concesso una vita umana a quel gatto.


GMG. 13-19, Sri Chinmoy ha risposto alle seguenti domande il 29 ottobre 2006 presso Aspiration-Ground in Jamaica, New York.