La Vita Spirituale1

Cari fratelli e sorelle, siamo tutti studenti, studenti della conoscenza superiore della Verità eterna. Uno studente impara e disimpara. Uno studente impara le cose che ispirano, illuminano e appagano; e disimpara le cose inutili, le cose che gli fanno sentire in ogni momento che la sua vita è condannata. Impara il messaggio della Luce, la Luce interiore; e disimpara il messaggio dell'ignoranza e delle tenebre.

Come si diventa spirituali? Diventiamo spirituali svuotando la mente, la mente che inconsciamente nutre paura e dubbio. Cerchiamo di svuotare dalla mente la paura, il dubbio e altri pensieri non divini o elementi estranei. Possiamo anche diventare spirituali mettendo a tacere la mente. Quando possiamo mettere a tacere la mente, la nostra vita diventa un campo fertile dove può crescere un raccolto eccezionale. C'è ancora un altro modo per diventare spirituali: purificare il cuore. In un cuore puro, Dio può manifestarsi con tutto il suo splendore. Un cuore di purezza può facilmente diventare tutt'uno, inseparabilmente uno, con l'eterna Realtà, Divinità e Onnipresenza di Dio. Quando svuotiamo la mente, accogliamo Dio; ma quando purifichiamo il cuore, in realtà poniamo un trono per Dio all'interno del nostro cuore, che è la Sua Casa.

Diventare spirituale è rappresentare l'ideale dentro di noi. Cos'è questo ideale? Il nostro ideale è Dio Luce infinita e Verità eterna. Grazie alla nostra aspirazione, al nostro anelito interiore, cresciamo nel nostro ideale, poi riveliamo l'ideale e infine manifestiamo l'ideale.

Prima di diventare spirituali, la vita non ha senso, la vita è un fardello deplorevole. Ma dopo essere diventati spirituali, non sentiamo il greve peso della vita. Al contrario, sentiamo di essere diventati come uccelli che volano nel cielo dell'Infinito e dell'Immortalità. La nostra vita ci offre un vero significato, perché è una vita d'amore e di divinità.

Prima di diventare spirituali, non vediamo né sentiamo la Mano amorevole di Dio e il Cuore sempre compassionevole. Ma dopo essere diventati spirituali, sentiamo la guida di Dio consapevolmente e costantemente in tutte le nostre molteplici attività. Quando diventiamo spirituali, Dio unisce il nostro cuore con il Suo Cuore di Verità eterna e Luce, Pace e Beatitudine infinite.

Una persona comune vuole possedere Dio; una persona spirituale vuole che Dio lo possegga. La persona comune sente che se ottiene Dio, allora sarà in grado di dominare il mondo; il mondo intero sarà ai suoi piedi. Ma una persona spirituale vuole essere posseduta da Dio. Sente che se possiede Dio, in qualsiasi momento il mondo della tentazione può attirarlo e può cadere. Ma se Dio l'Onnipotente lo possiede, non potrà mai cadere. Il cercatore vuole sempre che Dio si prenda cura di lui e lo guidi. Sente che se è posseduto da Dio, allora in ogni momento può essere al servizio dell'umanità con dedizione. E solo servendo Dio nell'umanità avrà una soddisfazione duratura.

Non creando un impero, l'uomo può raggiungere una soddisfazione permanente, ma solo risvegliandosi e donandosi. Il cercatore conosce questa verità; perciò vuole rinunciare all'indivino in sé e abbracciare il divino. Il non divino in lui è paura, dubbio, ansia e preoccupazione; il divino in lui è forza, coraggio, fede, sentimento di unità e senso di perfezione. Una persona non spirituale vuole scoprire la pace nel mondo. Ma una persona spirituale sa che può scoprire la pace solo nei più intimi recessi del proprio cuore. Una persona che non aspira non troverà soddisfazione o tranquillità, non importa quanto siano favorevoli le condizioni esterne, perché non sa dove cercarle o come cercarle. Ma una persona spirituale, qualunque sia l'opposizione o le circostanze sfavorevoli che deve affrontare, avrà sempre abbondante pace e soddisfazione, poiché fluiranno da dentro di lui in un flusso inestinguibile. Per il sincero cercatore, la pace regna sovrana grazie alla sua vita di aspirazione.

Per una persona comune, il vitale aggressivo è normale e necessario. Ma per una persona spirituale, il vitale non deve essere sempre aggressivo. Può diventare puro e dinamico. Quando abbiamo un vitale puro e dinamico, sentiamo che possiamo veramente stabilire il regno della Verità sulla terra. Quando il nostro vitale è dinamico, espandiamo la nostra coscienza. Ma quando il nostro vitale è aggressivo, semplicemente distruggiamo gli altri; e mentre distruggiamo gli altri, sminuiamo la nostra stessa realtà, che è la realtà universale.

C'è anche un vitale divino dentro di noi. Questo vitale opera solo nella nostra sincerità, umiltà, chiarezza e dono di noi stessi. Il vitale aggressivo o il vitale dinamico possono dire, con le parole di Giulio Cesare, "Veni, vidi, vici", "sono venuto, ho visto, ho vinto". Ma il vitale divino dice: "Sono venuto, mi sono arreso, sono diventato. Sono venuto a Dio; ho consegnato la mia esistenza a Dio; sono diventato Dio l'infinita Compassione, Dio l'Amore infinito, Dio l'Infinita Sollecitudine."

Nella nostra esistenza quotidiana, scopriamo che la vita non è altro che dovere. Questo dovere è fonte continua di scoraggiamento e frustrazione, come se qualcuno ci avesse messo sulle spalle un pesante fardello. Ma nella vita spirituale il dovere è preso in modo diverso. Dovere significa opportunità. Ogni volta che adempiamo al nostro dovere, sentiamo di aver fatto un passo avanti verso la Meta Finale. E ogni volta che adempiamo al nostro dovere divino, Dio ci affida più Pace, Luce e Beatitudine.

Un sincero cercatore spirituale sente che la vita umana è una benedizione costante. La vita non è schiavitù o frustrazione; la vita è opportunità. Qui sulla terra è il luogo dove dobbiamo vedere il volto della Verità e crescere nell'immagine stessa della Realtà trascendentale. La vita deve essere utilizzata per uno scopo elevato, per uno scopo divino, per uno scopo appagante. Come una persona comune piange per il nome e la fama, per la soddisfazione mondana, anche un sincero cercatore piange; ma piange per la Verità, per la Luce, per la Beatitudine. Piange per Dio. Vuole che Dio lo renda il Suo strumento perfetto. Non vuole essere colui che agisce, non vuole essere l'azione, non vuole essere l'osservatore. Vuole che Dio sia Colui che agisce, vuole che Dio sia l'azione, vuole che Dio sia il testimone e vuole che Dio si realizzi in ogni modo in lui e attraverso di lui.

Una persona comune e senza aspirazione può vedere l'albero della realtà da lontano, ma ne ha paura. Sente che l'albero della Realtà è tutta Luce e teme che questa Luce sveli la sua ignoranza. Ma un sincero cercatore corre semplicemente verso l'albero della Realtà, tocca la radice, si siede ai piedi dell'albero per alcuni secondi e poi cerca di arrampicarsi sull'albero. Sente che la Luce dell'albero della Realtà non lo espone; al contrario, sente che illumina, e l'illuminazione è il perfetto compimento. Ci sono persone che non si lanciano nella vita spirituale perché hanno paura che le loro debolezze vengano esposte, o sentono che non c'è niente che valga la pena di avere nella vita spirituale. Ma un cercatore sincero sa che la vita ha un vero significato solo quando entriamo nella vita spirituale, perché la vita spirituale è la radice dell'albero della vita eterna. Se non c'è radice, allora l'albero non può crescere e non ci si può mai arrampicare sul ramo più alto.

Un cercatore spirituale vuole raggiungere la Verità, la Luce, la Pace e la Beatitudine grazie al suo dono di sé, perché il suo dono di sé è il suo divenire in Dio. Quando diventa consapevolmente ciò che è stato eternamente, sa che la vita non è un sogno ma una realtà; che la vita non è solo la messaggera o il precursore della soddisfazione, ma anche la vera soddisfazione stessa. Dio sta sperimentando Se stesso dentro e attraverso la vita, che è una manifestazione delle Sue Luce e Delizia. Il cercatore sa che oggi è di Dio e domani sarà per Dio. Egli è di Dio: questa è la sua realizzazione; egli è per Dio: questa è la sua rivelazione e manifestazione.


  1. FFB 83. Aula 103, Iowa Western Community College, Council Bluffs, Iowa, 5 marzo 1974 — 14:00.