Successo, fallimento e progresso1

"Non falliremo; siamo destinati ad avere successo, perché Dio Stesso è la nostra Barca, Dio Stesso è il nostro Barcaiolo e Dio Stesso è la Meta del nostro viaggio."

Paura e dubbio sono due nostri sedicenti amici che vogliono accompagnarci al Palazzo di Dio dell'Infinita Luce e Delizia. Ci dicono cosa dobbiamo fare. La nostra paura ci dice che daremo la colpa a Dio. Il nostro dubbio ci dice che deluderemo Dio. Ma questo nostro viaggio è lungo. Ad un certo punto lungo la strada, la nostra brulicante paura e il rimuginante dubbio si stancano e rimangono indietro.

Abbiamo anche due veri amici: il coraggio e la fede. Abbiamo invitato questi due amici ad accompagnarci nel nostro viaggio verso Dio ed essi hanno accettato il nostro invito. Ci dicono che ci daranno quello che hanno. Il coraggio ci darà l'ispirazione; la fede ci darà l'aspirazione. Il coraggio inonderà il nostro essere di ispirazione in modo che possiamo immaginare la Meta più alta. La fede inonderà il nostro essere di aspirazione in modo che possiamo raggiungere la nostra Meta destinata.

Dal punto di vista spirituale, cos'è il fallimento? Il fallimento è un'esperienza che ci risveglia. Cos'è il successo? Il successo è un'esperienza che ci stimola a lottare per un successo sempre più grande. E cos'è il progresso? Il progresso è un'esperienza che ci illumina e ci realizza.

Il fallimento indica la nostra mancanza di adamantina determinazione. Il successo indica il nostro enorme potere di concentrazione. Il progresso indica che la corona della Volontà di Dio è in noi e per noi.

Nella nostra vita quotidiana, quando falliamo in qualcosa, sentiamo che il mondo intero è perduto. Troviamo estremamente difficile seppellire la nostra triste esperienza nell'oblio. Quando ci riusciamo, a volte siamo gonfi d'orgoglio. Abbiamo a cuore questo orgoglio a causa del nostro ego. A volte esageriamo il nostro successo oltre ogni immaginazione. A volte vogliamo dimostrare al mondo che abbiamo o siamo qualcosa quando, nel senso più puro del termine, non è vero. Cerchiamo di far sentire agli altri che siamo eccezionali, ma nei recessi interiori del nostro cuore sappiamo che questo è falso. Quando ci preoccupiamo per il progresso, vogliamo essere solo ciò che Dio vuole che siamo. Non vogliamo alcun apprezzamento dal mondo. Non vogliamo che il mondo ci sopravvaluti o ci sottovaluti; vogliamo che il mondo ci accetti.

Nella nostra vita esteriore falliamo perché non diamo il giusto valore alla nostra meta, alla nostra realizzazione. Dobbiamo apprezzare e ammirare la Meta. Se le diamo il giusto valore, siamo destinati ad avere successo. Dopo l'oscurità, appare l'alba. Ora, mentre viviamo nell'oscurità interiore, se la saggezza porta l'alba interiore nella nostra coscienza e non apprezziamo o accettiamo l'alba, allora l'alba non rimarrà in noi. Quando diventiamo sinceramente spirituali, diamo il massimo valore alla Luce, allo splendore della Luce. Ora viviamo nelle tenebre, ma non saremo sempre nelle tenebre. Ora siamo profondamente addormentati, ma non abbiamo bisogno di dormire per sempre. Se abbiamo un intenso anelito interiore, se diamo valore alla nostra Meta, raggiungeremo sicuramente la nostra Meta.

Un sincero cercatore ha un modo particolare di scrivere la parola "sincero". Il filosofo interiore pronuncia la parola "sin-seer" (veggente del peccato). Ora, nella nostra filosofia non esiste il peccato. Ciò che gli occidentali chiamano peccato è in realtà imperfezione, limitazione e schiavitù. Un sincero cercatore è un veggente, perché vede le sue imperfezioni, limitazioni e schiavitù. Una volta che è pienamente consapevole dei suoi limiti e delle sue debolezze, ha già fatto un passo avanti verso la sua liberazione dalla schiavitù. In quel momento la sua meta non è più lontana.

Non falliremo. Grazie al nostro anelito interiore, grazie alla nostra crescente fiamma interiore, avremo successo. Quello che abbiamo è il nostro anelito interiore. Ciò che Dio ha è il Suo Sorriso che trascende, rivela, appaga. Quando il nostro ascendente anelito e il Sorriso discendente di Dio si incontrano, raggiungiamo la Meta suprema.

Non falliremo, non possiamo fallire. Avremo successo sulla base della nostra devozione focalizzata sul nostro Pilota Interiore. Come acquisiamo questa devozione focalizzata? Possiamo acquisire una devozione focalizzata solo quando abbiamo la pace della mente. Come possiamo essere la pace della mente? Possiamo avere la pace della mente solo quando ci stacchiamo dall'allettante mondo che ci circonda e ci immergiamo nel profondo per vedere la radice dell'albero della Realtà.

Non deluderemo Dio perché sappiamo ciò che abbiamo e sappiamo ciò che Dio ha per noi. C'è un detto che dice: "Dio aiuta coloro che aiutano se stessi." Ora, alcune persone potrebbero chiedere: "Se sappiamo come aiutare noi stessi, perché abbiamo bisogno dell'aiuto di Dio? Oppure, se Dio è così gentile da aiutarci, allora perché vuole che usiamo il nostro misero sforzo personale?" Qui dobbiamo sapere che il compito di Dio è colmarci di Luce solo quando ci siamo svuotati dalle tenebre. Dobbiamo svuotare il nostro contenitore, e poi Dio riempirà il contenitore. Ci svuotiamo dell'ignoranza di millenni, e Dio entra in noi e ci colma di Luce e Delizia. Se non svolgiamo il nostro ruolo, come possiamo soddisfare Dio? Dio sta giocando il Suo Gioco Cosmico e noi seguiamo consapevolmente la vita spirituale, accettiamo consapevolmente il Suo Gioco Cosmico e giochiamo con Lui. Mentre giochiamo consapevolmente e devotamente al Gioco Cosmico, offriamo ciò che abbiamo. Dio accetta le nostre capacità, i nostri successi, i nostri beni, e ci dà le Sue capacità, i Suoi successi, i Suoi beni. Ci dona perfettamente, eternamente e incondizionatamente.

Non tradiremo Dio perché lo amiamo e perché Dio ci ama. L'amore è unità, unità inseparabile. Quando cantiamo il canto dell'unità inseparabile, non possiamo fallire.


  1. FFB 39. Humanities Lecture Hall, University of North Carolina, Asheville, North Carolina, 20 febbraio 1974 — sera.