Sicurezza1

La sicurezza è vita. L'insicurezza è morte. Quando uno è sicuro nella propria vita, vede un'ora dentro ogni secondo. Quando uno è insicuro nella propria vita, non vede nemmeno un secondo in un'ora. Le persone sicure sorridono, non perché hanno qualcosa ma perché sono qualcosa. Le persone sicure appartengono a una forza creativa in costante ascesa. Le persone insicure inconsciamente e tristemente hanno fatto amicizia con il dubbio, che è il peggior veleno possibile. Una volta che hanno stretto amicizia con l’insicurezza, sono costretti a fare amicizia con qualcun altro e quel qualcun altro è l’autodistruzione.

Quando si è sicuri, si custodisce ciò che si ha e ciò che si è. Ciò che si ha è semplicità, sincerità, serenità, purezza e molte altre qualità divine. Queste qualità divine devono essere custodite. Quando uno è sicuro, solo allora uno è in grado di proteggerle. Quando sono ben protette, possono svolgere i loro rispettivi ruoli in modo più soddisfacente all'interno delle coscienza fisica, coscienza vitale e coscienza mentale.

La sicurezza è un onore che si dà e si ottiene. Quando si diventa una guardia di sicurezza, si serve un superiore.

Il superiore viene onorato perché è protetto da altri. La guardia di sicurezza mostra il massimo rispetto, amore e adorazione per il superiore; pertanto, il mondo potrebbe pensare che solo il superiore venga onorato. Ma vorrei dire che è un onore reciproco.

Questo è un parco pubblico e ci sono persone non-divine tutt'intorno. Sono seduto qui e voi mi siete seduti accanto con le mani giunte. Con la vostra aspirazione e devozione mi state proteggendo dalle forze negative. Mi state proteggendo, quindi mi state onorando. Mi state onorando, vero, ma anche io vi onoro. Su 140 persone io ho chiesto a voi di venire qui.

È la stessa cosa quando preghiamo Dio. Pensiamo di onorarlo. Lo stiamo onorando, vero, ma Dio ci ha già onorato scegliendo noi come suoi strumenti. Lo onoriamo con la nostra aspirazione e devozione. Ma con la Sua accettazione di noi, anche Dio ci sta onorando. Quando Lo serviamo, lo amiamo e aneliamo a Lui, in quel momento Lo onoriamo. Ma è Lui che ci ha dato l'opportunità di servirLo e aspirare a Lui. Quindi la guardia di sicurezza, quando aiuta o protegge il superiore in qualche modo, non è affatto inferiore. Lo sta solo onorando e ne viene onorata.

Dio ci ha dato la capacità, l'aspirazione, di pregarLo e di meditare su di Lui. Pregando e meditando Lo onoriamo. Ancora una volta, usandoci come strumenti scelti, ci onora. Quando Gli diamo la nostra sicurezza, otteniamo la Sua sicurezza. Onorando Dio attraverso la preghiera e la meditazione, onoriamo anche noi stessi.

Dio è sicuro in noi perché sogna in noi e attraverso di noi. È l'eterno albero della vita, noi siamo i suoi rami sporgenti. Non siamo consapevoli della nostra realtà, non siamo consapevoli di essere parte integrante dell'Albero della Vita che è Dio, pertanto, non siamo sicuri. Ma pregando e meditando arriviamo a renderci conto che i rami, le foglie e i fiori sono parte integrante dell'Albero stesso. Quando ci rendiamo conto di ciò, diventiamo sicuri nella Sorgente e sicuri nel flusso. Quando il flusso realizza la sua Sorgente assoluta, diventa sicuro. La Sorgente è sempre sicura nel flusso, poiché la Sorgente sa che la sua capacità è sempre illimitata.

2 2 Luglio 1977, 4:38 di pomeriggio — Bethpage State Park, Long Island, New York


  1. EA5

  2. EA5