Mantenere una connessione con i propri genitori

Alcuni genitori sono molto buoni, molto sinceri, molto gentili con i loro figli. Essi stessi non praticano lo Yoga, o hanno paura del sentiero o sentono che è troppo tardi per loro. Non li biasimo, anche se nella vita spirituale non c'è nulla di troppo tardi. Quando inizi con tutta l'anima, questa è l'ora per te. L'Ora di Dio per te è il giorno in cui accetti con tutto il cuore la vita spirituale, ma se i genitori sono bravi, se non stanno accettando il nostro percorso o un altro percorso, ma stanno permettendo ai loro figli di venire, sicuramente i figli dovrebbero mantenere una connessione con loro. Nei villaggi indiani, i genitori possono essere agricoltori che non hanno istruzione, ma vogliono che i loro figli vadano a scuola e abbiano una cultura. Questi genitori sono così bravi. Lavorano molto duramente nei campi e fanno un po' di soldi in modo da poter mandare i loro figli a scuola. Loro non potevano studiare quando erano bambini e ora si sentono troppo vecchi, ma vogliono che i loro figli vadano a scuola. Anche qui, se i genitori non hanno mai praticato la spiritualità o lo Yoga e ora hanno quaranta o sessanta anni e sentono che è troppo tardi per loro, vorrei dire che devi essere molto, molto gentile con loro. Apprezzano il valore della vita spirituale, della vita interiore, della gioia interiore e così via, ma sentono che non fa per loro.

Tuttavia se i genitori sono totalmente contrari al tuo percorso spirituale, non importa quale segui, devi essere coraggioso. In quel momento devi sentire la necessità della tua vita spirituale, vale a dire, la tua vita spirituale deve venire prima di tutto nella tua vita, ma sto usando la parola "totalmente". Se i tuoi genitori vogliono scendere a compromessi, che tu segua il tuo percorso spirituale e che tu mantenga anche una connessione con loro, dovresti essere d'accordo. Dirai: "Va bene, voi seguite le vostre idee, anche se non posso condividere con tutto il cuore le vostre idee. Ora dovete anche darmi la libertà di seguire le mie idee." Se hai qualche cerimonia a casa o se qualcuno in famiglia si sta per sposare o è malato, naturalmente è tuo sacrosanto dovere andare e aiutare. Dovresti sentire che c'era un motivo speciale per cui Dio ti ha portato in quella famiglia. Se, invece, i tuoi genitori sono sempre contro la tua vita spirituale, se non capiscono niente o non vogliono capire, se sentono che stai sprecando il tuo tempo e che un giorno ti accorgerai che stai facendo un errore Himalayano, se ti impediscono in ogni modo di seguire questo percorso, non devi mantenere alcuna connessione con loro. Se non ti capiscono e se ti si mettono contro, non sono in alcun modo migliori di un nemico. Dovresti, comunque, offrire loro la tua gratitudine interiore. Per ventitré o ventiquattro anni ti hanno nutrito, ti hanno accudito, ti hanno allevato. Quindi devi offrire la tua gratitudine ai tuoi genitori, anche se non sono stati totalmente divini. Hanno fatto errori e ora stanno commettendo altri errori ancora nel non permetterti di seguire il tuo percorso, ma devi comunque mostrare la tua gratitudine interiore. Offrire la tua gratitudine interiore, tuttavia, è una cosa e frequentarli, pur sapendo che stanno ostacolando la tua strada, è qualcos'altro.

Quindi, ognuno deve sapere quanta opposizione sta ricevendo dai suoi genitori. C'è stato un tempo, quattro o cinque anni fa, in cui alcuni genitori ce l’avevano a morte contro di noi. Sentivano che avevo portato via i loro figli, ma i genitori non si rendono conto che non sono andato a casa di nessuno e non li ho supplicati di darmi i loro figli. I figli sono venuti da me da soli. Poi, ho fatto del mio meglio per dare loro idee buone. Non ho detto a nessun figlio o figlia: "Lascia i tuoi genitori." Oh, no, no! Al contrario, dico sempre: "Cerca di scendere a compromessi." Se, però, i genitori sono totalmente contro di noi, mi sento molto triste. Sono venuto qui per schierarmi dalla parte di Dio e non dalla parte dell'ignoranza. Se vedo che qualcuno sta ricevendo un'enorme opposizione dai suoi genitori e se è molto sincero, molto dedicato, molto devoto, come posso dirgli di nuotare nel mare dell'ignoranza insieme ai genitori? Non posso farlo. Ma la mia richiesta a tutti voi è di cercare di mantenere il più possibile una buona connessione con i vostri genitori, una normale connessione. Se ritenete, però, che sia vostro dovere frequentare i vostri genitori, anche se sono molto poco spirituali e sono non-divini, desidero dire che potete farlo, ma il vostro progresso sarà molto, molto limitato. Dovete gestire il giusto equilibrio.