L'impossibilità non esiste!20

L'impossibilità non esiste! Il termine "impossibilità" esiste solo quando usiamo la nostra mente.

Uno può avere un grande palazzo, ma può preferire vivere in un piccolo e accogliente cottage. A volte anche un re o un imperatore può desiderare di vivere in un cottage. La mente dirà: "Come può un re vivere in un minuscolo cottage? Non è al di sotto della sua dignità?" No! Il re può scegliere di vivere in un cottage; è del tutto possibile. L'uomo usa il termine "impossibilità", ma Dio dice che non esiste.

La mente vedrà nell'oceano innumerevoli gocce. Per la mente, queste gocce sono all'interno dell'oceano, quindi l'oceano è infinito e le piccole gocce sono finite. Il finito è dentro l'Infinito. Come possiamo vedere o sentire che dentro una goccia c'è l'oceano stesso? Per la mente è impossibile! Ma l'anima vede la realtà su un altro piano di coscienza. Se possiamo entrare in quella coscienza, immediatamente vediamo l'intero oceano dentro una goccia.

Un seme cresce e gradualmente, gradualmente diventa un albero di banyan. Vediamo l'albero di banyan; è esposto. Il seme era sotto terra. Non siamo riusciti a vederlo; ora vediamo solo il vasto albero. Ma se abbiamo accesso a un altro piano di coscienza, là vedremo all'interno del seme l'intero albero di banyan. Non è un'allucinazione mentale! In questo momento, non possiamo andare su quel piano. Ecco perché la nostra mente ha idee preconcette sull'albero di banyan e sull'oceano. Come può essere che dentro un seme ci sia l'albero? Com'è possibile che dentro una goccia ci sia l'oceano, quando occorrono innumerevoli, innumerevoli gocce per formare l'oceano?

C'è un piano di coscienza che non possiamo vedere e in cui non possiamo entrare con la nostra attuale coscienza umana. Ecco perché diciamo subito che qualcosa è impossibile. Ma se possiamo elevare la nostra coscienza fisica, legata alla terra, a un livello molto alto in cui la mente non può interferire, vedremo che ciò che chiamiamo impossibilità è più che possibile. La mente non può nemmeno immaginare che quel piano esista. In quel piano vediamo che dentro la goccia c'è l'oceano; dentro il seme c'è l'albero. Finché usiamo la mente, non avremo mai, mai questa esperienza e non potremo mai, mai crederci.

L'impossibilità è nel mondo fisico, il mondo legato alla terra. In questo mondo, è tutto limite, limite, limite, limite! La mente sta limitando tutto. Può avanzare un po', e poi si ferma. Può avvicinarsi un po' e poi si ferma. Ma l'anima non limita nulla. L'anima inizia con l'Eternità e l'Infinito. Per l'anima, nulla può dirsi impossibile. Vediamo che un bambino di tre anni ha corso una maratona in India. Ha tre o quattro anni e corre, corre, corre. Ecco la prova che alcune delle realtà dei mondi superiori sono scese in questo mondo. Altrimenti, come può un bambino di tre anni del Bihar correre una maratona?

Stanno accadendo così tante cose! A queste imprese la mente non crederà mai, mai, mai. Anche se vengono eseguite proprio davanti agli occhi di qualcuno, la sua mente non ci crederà. Alcuni giornalisti dicono: "Anche se ti vediamo eseguire queste imprese, non ci crederemo." Questa è la supremazia della mente e la limitazione della mente. Anche se otteniamo qualcosa davanti ad alcune persone, non ci crederanno. Siatene sicuri, perché la loro mente ha formulato l'idea che sia impossibile.

In questa creazione di Dio, tante cose sono considerate impossibili, ma sono del tutto possibili. Se entriamo nei mondi superiori, vedremo che queste cose sono più che possibili. Stanno accadendo ogni giorno, ogni giorno, ogni giorno. Se possiamo andare un po' oltre la mente, allora siamo pronti a credere a tutto.

Se non posso fare qualcosa, ma sento che qualcun altro l'ha fatta, non dirò mai che è impossibile, perché so che è possibile! Ho fatto molte cose nella mia vita. Se posso eseguire una cosiddetta impresa impossibile, puoi farlo anche tu. Dio non è il mio unico monopolio, quindi come posso dire che gli altri non possono fare l'impossibile? Se non posso farlo, ciò non significa che qualcun altro non possa farlo.

Se alcuni abitanti del villaggio sentono qualcosa di straordinario, la prima cosa che dicono è: "No, non può essere, non può essere, non può essere!" La scienza sta facendo tali progressi in Occidente e ovunque, ma se dici a questi abitanti del villaggio che è successo qualcosa di straordinario, diranno: "Impossibile!" La loro coscienza e la loro consapevolezza sono così limitate, ma giudicano il mondo intero come se avessero un così alto grado di conoscenza o saggezza! Se chiedete loro dell'America, la loro ignoranza dirà: "No, no, l'America non esiste." Cosa esiste per loro? Solo il loro piccolo villaggio - oltre a questo, niente. Solo se alcuni dei loro parenti andranno in America e torneranno crederanno nell'America. Non vanno nemmeno al villaggio successivo, ma con suprema autorità dichiarano su qualsiasi cosa: "Non esiste, non esiste!"

Nel mondo spirituale c'è un detto sanscrito: _Neti, neti, neti_. Significa: "Non questo, non questo, non questo." La gente ripete questo detto. Poi, finalmente, si arrende, e va oltre la propria limitata consapevolezza.


GMG 33. 26 dicembre 2005, Kuantan, Malaysia