Domanda: Guru, con i cercatori di culture spirituali consolidate che incontriamo in tutto il mondo, una delle cose più difficili è far loro sentire come il nostro sentiero è diverso dalla spiritualità tradizionale con cui sono stati cresciuti. Mi chiedo se potresti darmi qualche consiglio.3

_Sri Chinmoy:_ Ci vorrà tempo prima che alcune culture comprendano il nostro yoga perché hanno il loro modo di pensare. Il nostro sentiero può essere diverso da altri sentieri, inutile dirlo, ma non diremo mai che la nostra meta è diversa dalla loro - no! La meta finale è la stessa. Sia che un individuo segua il sentiero del Signore Buddha, o il sentiero di Sri Ramakrishna, o il sentiero di Sri Krishna, la Meta Finale è sempre la stessa. Ma quando arriviamo alla meta, possiamo chiamare quella meta con nomi diversi. La meta è la stessa, ma possiamo chiamarla con qualsiasi nome, a nostro piacimento.

Prima il mio nome era Ganapati. Poi divenne Madal, poi Chinmoy, Sri Chinmoy e, per i miei discepoli, Guru. Tutti quei nomi si riferiscono alla stessa persona. Così, a volte capita di arrivare alla stessa meta, ma diamo nomi diversi alla meta.

Ancora una volta, le persone potrebbero fraintendere il nostro sentiero. Chi vive nella mente spesso fraintenderà. C'erano Maestri spirituali di prim'ordine che non scrivevano libri, non componevano canzoni o poesie, non creavano migliaia di dipinti. In tanti campi, specialmente per quanto riguarda la forma fisica e l'esercizio, altri Maestri spirituali non vi hanno preso parte, quindi è molto facile che le persone mi fraintendano.

La gente potrebbe dire che altri Maestri spirituali meditano per ore e ore all'interno delle loro stanze o nelle loro grotte himalayane. Nel mio caso, alcune persone diranno che sto trascorrendo così tante ore in tutte le mie attività esteriori, quindi quando medito? Ma queste persone non capiranno, o non crederanno nemmeno, che esiste un tipo di meditazione che si chiama meditazione instancabile e incessante. C'è un tale stadio. È molto difficile, inimmaginabilmente difficile raggiungere quello stadio. Molti, moltissimi Maestri spirituali, anche quelli di prim'ordine, non potevano raggiungere quello stadio. A quel punto l'anima, o possiamo dire il Pilota Interiore, medita costantemente. Io medito davanti ai discepoli, qua e là. Ma dentro di me c'è una meditazione costante, che nessuno potrà vedere. Chi potrà credere anche solo a ciò che sono?

A livello umano, a volte, occorrono alcuni minuti, mezz'ora o addirittura ore perché un individuo entri nel suo più alto livello. Tu sai qual è la tua coscienza più alta. Alcune persone impiegano molto tempo, mentre altre possono raggiungere quella fase in un batter d'occhio. Che tu ci creda o no, in un batter d'occhio posso raggiungere il massimo. La maggior parte delle volte sono nel mio massimo, ma se non sono nel mio massimo, anche se sto chiacchierando con i discepoli, in pochi secondi posso arrivare al livello più alto.

Non siamo venuti al mondo per provare niente. Siamo venuti al mondo per completare un gioco a modo nostro, vale a dire, il modo in cui il Supremo ha scelto per noi.

Alcune persone credono nello yoga. Alcune persone credono che se fai _japa_ milioni di volte, quella è meditazione. Io non ho mai fatto _japa_ in India — mai! Mio fratello Mantu ha fatto _japa_. Ha ripetuto il nome di Lord Shiva: "Shiv, Shiv, Shiv, Shiv, Shiv". Qui in America, due o tre anni fa ho fatto un po' di _japa_. Maestri spirituali di prim'ordine dicevano interiormente: "Cosa stai facendo?" Io dissi: "Voglio fare _japa_ ora. Non l'ho fatto in India, quindi ora sto provando il _japa_." Essi hanno detto che era assolutamente inutile per me.

Alcuni Maestri spirituali hanno realizzato Dio in questa incarnazione, ma il tuo Guru, Sri Chinmoy, non ha realizzato Dio solo in questa incarnazione — no, no! Molti, molti, molti anni fa, centinaia di anni fa, ho raggiunto la mia realizzazione in Dio. Non era in questa incarnazione. In questa vita, tra i tredici e i quattordici anni, stavo rivedendo il mio libro della realizzazione di Dio. Lo stavo rivedendo molto velocemente, molto velocemente. Diciamo che qualcuno ha studiato un libro e sa tutto nel libro. Dopo qualche tempo recensisce il libro e porta tutto alla ribalta molto rapidamente.

Anche in questa incarnazione, nei miei primi anni, meditavo seriamente per ore ogni giorno. Non avevo discepoli in quel momento. Ho meditato per anni dalle due alle sette del mattino. Ho iniziato a farlo dopo che il mio Guru è venuto da me interiormente ogni giorno per dieci giorni circa per ispirarmi ad alzarmi in quel momento. Meditavo nella mia stanza, meditavo per strada. Mentre pedalavo meditavo. A casa, mentre mangiavo con i miei fratelli e sorelle maggiori, meditavo pure. A volte mi sdraiavo con le gambe alzate mentre mangiavo, ma a mio fratello maggiore, che meritava particolare rispetto, non importava come stavo mangiando. Anche agli altri membri della mia famiglia non importava. Non ho rinunciato a quella peculiare abitudine: mangiare stando sdraiati. Migliaia di anni fa anche io l'ho fatto.

Alcuni cercatori, alcune culture hanno il proprio sistema. Dicono che se preghi, se mediti, se pratichi ogni tipo di disciplina, allora sei spirituale. Ma voglio dire che la spiritualità è nella coscienza. Mentre cammini, puoi pensare alla tua colazione o puoi pensare ai tuoi nemici; puoi pensare a qualsiasi cosa. Di nuovo, mentre cammini puoi meditare. Sri Ramakrishna camminava spesso e meditava, miglio dopo miglio. Meditò anche sotto l'albero Panchavati. Quando le gambe di Sri Aurobindo erano in buone condizioni, per sei o sette ore meditava camminando. Il Signore Buddha era solito meditare mentre camminava. In seguito meditò ai piedi dell'albero della Bodhi. Ogni giorno Mahavira, mentre camminava miglio dopo miglio, meditava. C'erano molti Maestri spirituali che meditavano mentre camminavano. Nel mio caso, anche mentre andavo in bicicletta, ho fatto un'ottima meditazione.

Dio solo sa perché, su duemila o più persone, la Madre dello Sri Aurobindo Ashram mi ha scelto per meditare nella stanza di Sri Aurobindo. A quattro o cinque discepoli la Madre diede il permesso di meditare una volta al mese nella stanza di Sri Aurobindo, il primo del mese. Per tre mesi abbiamo meditato. Il leader di quel gruppo è stato così gentile con me. Mi ha ispirato o costretto a imparare il metro inglese. Oggi conosco la metrica inglese e la poesia inglese perché mi ha incoraggiato a imparare. Un giorno mi disse: "Ho avuto il permesso dalla Madre per farti meditare nella stanza di Sri Aurobindo." Io non ci potevo credere. Nel caldo dell'India meridionale, dall'una all'una e trenta dovevamo meditare là. Secondo l'assistente della Madre, invece di meditare, alcuni di noi erano profondamente addormentati nel caldo dell'India meridionale!

Quando la Madre appree questa notizia, ritirò il suo invito al gruppo. Ma poi mi mandò un messaggio: ogni giorno devo venire a meditare. Con quel piccolo gruppo, una volta al mese andai a meditare nella stanza di Sri Aurobindo per tre mesi. Poi l'assistente della Madre mi disse di andare ogni mattina alla porta di Sri Aurobindo, un luogo importante dove la Madre e Sri Aurobindo erano soliti dare _darshan_.

Di nuovo sto dicendo che la mia meditazione è di un tipo totalmente diverso. La meditazione di ognuno è unica a modo suo. Nella nostra vita spirituale, perché un giardino dovrebbe avere un solo tipo di fiore? Dovrebbero esserci altri fiori. Se un giardino ha rose più altri fiori, qualcuno andrà in un giardino dove c'è solo una rosa? Quella persona dirà: "No, vorrei avere anche altri fiori." Ci sono negozi dove si vendono cose speciali, ma perché andiamo al supermercato? Perché c'è tutto.

Ahimè, Swami Vivekananda ricevette critiche. Una volta lui e i suoi fratelli spirituali stavano ballando mentre venivano suonati strumenti musicali. Stavano ballando, ballando e ballando, e cantavano con tutta l'anima. Anche il sentiero di Sri Chaitanya è così. Cantando e ballando, avanzano per la strada. Questo è il loro stile.

Una signora americana aveva dato a Swami Vivekananda una grande quantità di denaro. Alcuni critici dissero a quella signora americana: "Guarda, guarda! Cos'hai fatto? Gli hai dato così tanti soldi, e ora stanno ballando! Meditazione indiana significa sedersi a gambe incrociate ed essere molto seri, concentrati. Invece, Swami Vivekananda e il suo gruppo stanno ballando qui!"

Questa signora era una occidentale, ma pensava anche che la meditazione indiana dovesse essere praticata all'interno delle grotte himalayane o in uno stanzino, quindi si arrabbiò. I critici la convinsero che la meditazione indiana dovrebbe aver luogo sempre all'interno di uno stanzino, senza spettacolo pubblico.

Di nuovo, alcune figure spirituali hanno paura di meditare davanti a migliaia di persone. Sentono che tutte le forze non divine, le forze vitali inferiori del pubblico li attaccheranno, quindi la cosa migliore per loro è meditare all'interno di una piccola stanza. Ahimè, ahimè! Le persone che hanno paura di affrontare il mondo devono ancora fare i conti con la propria mente. Possono rimanere nella loro stanza, ma la loro mente, come una calamita, può invitare milioni di pensieri, malsani e privi di aspirazione.

Alcuni seguaci del sentiero di Sri Krishna qui in America, in Russia e in tutto il mondo stanno ballando e danzando. Sono molto grato a loro per aver offerto la loro aspirazione. Hanno trovato la loro strada nella danza devozionale. Noi abbiamo trovato la nostra strada: attraverso i nostri Peace-Blossoms, la nostra Peace Run e World Harmony Run e tante altre attività. Non dobbiamo convincere nessun cercatore che il nostro sentiero è il sentiero migliore. Diremo solo che il nostro sentiero è a senso unico. Le loro vie sono le loro vie. Non possiamo convincere nessuno. Se sono soddisfatto del gelato, mangerò il gelato. Non devo preoccuparmi di quello che dicono gli altri sul gelato.

È molto difficile per alcuni cercatori accettare altre vie o modi. Poi di nuovo, le stesse persone, quando vedranno che il resto del mondo ha rivendicato qualcuno, anche loro rivendicheranno quell'individuo. Tre settimane prima che Tagore ottenesse il premio Nobel, in una rivista una sua poesia fu criticata senza pietà. Il critico disse che la poesia era semplicemente orribile. Tre settimane dopo, cosa successe? Lo stesso critico, sullo stesso giornale, disse tante belle cose su quella poesia. Era assurdo, inimmaginabile! Egli esaltò Tagore fino ai cieli per quella poesia. Prima che Tagore ricevesse il Premio Nobel, quel critico fece a Tagore le sue critiche spietate.

Prima che Swami Vivekananda diventasse famoso, nessuno gli prestava attenzione. Aveva alcuni devoti qua e là, e alcuni critici. Ma una volta che Swami Vivekananda divenne famoso, una volta che il mondo occidentale lo accettò, i suoi compatrioti lo reclamarono immediatamente.

Se riusciamo a raggiungere la nostra meta sul nostro sentiero, allora gli altri ci reclameranno. Mostreremo ai cercatori la nostra strada, ma se non accettano la nostra strada, lascia che trovino la loro strada.


GMG. 3-12, Sri Chinmoy rispose a queste domande il 14 settembre 2006 ad Aspiration-Ground in Giamaica, New York.