Il Signore Buddha10

Ho scritto una poesia molto potente sul _Nirvana_. Domani forse comporrò una canzone. Questa poesia parla della mia prima esperienza del Nirvana, vale a dire in questa incarnazione. Nelle precedenti incarnazioni ho sicuramente avuto l'esperienza del Nirvana e sono andato oltre. In questa incarnazione sono forse andato ben oltre il Nirvana. Un giorno mi stavo godendo la mia esperienza del Nirvana e ho scritto questa poesia. Posso raccontare molte, molte storie. Sarà difficile anche per i miei discepoli digerire le mie esperienze!

A Kamakura, e anche a Borobudur, come conversavo con il Signore Buddha! È successo molte volte. Anche a Porto Rico ho avuto una meravigliosa conversazione con il Signore Buddha.

Mi è stato detto, anche se non l'ho visto quando meditavo nella stanza di Sri Aurobindo, che Sri Aurobindo conservava solo un'immagine là, e quella era l'immagine del Signore Buddha. Ho meditato là ogni giorno per parecchi anni, ma non ho visto l'immagine del Signore Buddha nella stanza di Sri Aurobindo. Forse è stato molto prima che io nascessi che Sri Aurobindo conservava l'immagine del Signore Buddha. Quando meditavo là, ho visto solo due tigri.

La moglie del Signore Buddha era estremamente ansiosa di essere discepola di suo marito, quindi gli giocò un meraviglioso scherzo. Il loro figlio, Rahul, divenne molto, molto devoto a suo padre. La madre chiese al figlio di andare da suo padre e pregarlo per l'iniziazione. Ananda, il discepolo più caro, e altri erano molto dispiaciuti per il bambino. Era tutto sincero. All'inizio il Signore Buddha rifiutò. Disse: "No, no, no! Non accetterò mio figlio." Ma Ananda, il suo discepolo assolutamente più caro, lo pregò. Ananda disse: "Guarda la sua sincerità! Con quanta sincerità desidera diventare tuo discepolo! Per favore, per favore accettalo." Così il Signore Buddha accettò Rahul, suo figlio, come suo discepolo.

Poi il figlio fece uno scherzo a suo padre! Disse: "Padre, hai lasciato mia madre. Anche io l'ho lasciata. Ora, chi si prenderà cura di lei?" Che meraviglioso trucco fece a suo padre! Allora il padre accettò anche sua moglie come discepola.

Il Signore Buddha era un Maestro spirituale non solo di infinita Compassione, ma anche di infinito Perdono. Alla sera della sua vita, un ex discepolo lo invitò a venire a mangiare da lui. È così che gira la storia. Se l'ospite mise deliberatamente del veleno nel cibo o se fu fatto inavvertitamente, solo Dio lo sa.

I discepoli erano molto, molto, molto turbati e furiosi, ma il Signore Buddha disse: "Non dovete, non dovete punirlo. Il mio momento è arrivato. Non biasimatelo." Non fecero nulla, perché il Signore Buddha perdonò quell'uomo.

All'età di ottant'anni, il Signore Buddha non poteva camminare correttamente. Non riusciva a tenere la testa e il petto dritti. Secondo i libri, aveva bisogno di un bastone da passeggio. Si stava piegando sempre di più.

Il Signore Buddha era solito tenere conferenze e molti, molti cercatori venivano, solo per andarserne. Quando il Signore Buddha teneva dei discorsi, venivano centinaia di persone. Un giorno queste persone venivano ad ascoltare il sermone del Signore Buddha, e il giorno seguente andavano ad ascoltare un discorso tenuto da un altro Maestro spirituale. Così andò avanti e avanti e avanti. I discepoli del Signore Buddha, Ananda e Sariputra, implorarono il loro Maestro: "Ora sei troppo vecchio. Per favore, per favore, smettila di fare sermoni. Coloro che vogliono diventare tuoi seguaci verranno."

Il Signore Buddha disse: "Non sto facendo questo per acquisire più seguaci. Lo sto facendo come servizio all'umanità. Quando le persone vengono da me, ottengono dei benefici. E quando vanno dall'altro Maestro, ottengono qualche beneficio."

La cosa più strana è che il Signore Buddha e un altro Maestro spirituale, Mahavira, non potevano o non volevano incontrarsi. Solo nove miglia e mezzo - alcuni dicono sei miglia e mezzo - li separavano l'uno dall'altro, ma non ebbero occasione di incontrarsi. Erano nati in due villaggi vicini e lasciarono la casa praticamente nello stesso momento. Il Signore Buddha ebbe un figlio e Mahavira ebbe una figlia.

La via di Mahavira era la via più difficile, la più ardua. Torturava il suo corpo all'estremo. Aveva abbracciato il disagio fisico. Nel caso del Signore Buddha, anche lui voleva praticare l'austerità. Poi si rese conto che l'austerità non era la risposta; la via di mezzo era la risposta. Sujata gli insegnò a seguire la via di mezzo.

È come la musica. Se suoni sempre sulla scala più alta, nessuno apprezzerà la tua musica. Di nuovo, se suoni sempre sulla scala più bassa, nessuno la apprezzerà. Partiamo dalla scala media e occasionalmente entriamo nella scala più alta e nella scala più bassa. Altrimenti chi sarà in grado di cantare sempre sulla scala più alta?


GMG 24. 26 novembre 2005, Pangkor Island, Malesia