Carità1

La carità non mi piace. Mi piace la sollecitudine, la vera premura. Quando qualcuno mi mostra carità, provo un senso di inferiorità e quando offro carità a qualcuno, indubbiamente sento un senso di superiorità. Non desidero né un sentimento superiore né un sentimento inferiore: ciò che voglio è un sentimento paritario.

Il mondo cristiano crede che la carità significhi una porta aperta al Cielo, ma è totalmente sbagliato, completamente sbagliato, irrimediabilmente sbagliato. La carità non segna o determina un senso di vera sollecitudine e vero amore, e quando la vera sollecitudine e il vero amore sono carenti, la porta del Cielo non può mai essere aperta. Rimarrà sempre chiusa. Non è la carità, ma il sentimento di unità, che apre la porta del Cielo. Se non c'è alcun sentimento di unità, non importa quanta potenza monetaria, ricchezza materiale o qualsiasi altra cosa offra a qualcuno, è inevitabile che mi porti nel mondo dell'ignoranza dove opera la danza della superiorità e dell'inferiorità.

Quando una parte della mia esistenza deve ricevere o raggiungere qualcosa e un'altra parte viene in suo soccorso, il loro senso di unità apre immediatamente la porta del Cielo per me. Se c'è qualcosa di bello, e se la mia mente aiuta immediatamente il mio occhio ad apprezzarne la bellezza, allora c'è una sensazione di unità. Se la mia mente vuole studiare qualcosa e le gambe mi portano a scuola o in biblioteca, allora c'è un sentimento di unità.

La carità non può darmi soddisfazione. La carità non può aprirmi la porta del Paradiso. È solo la sensazione di unità che può darmi soddisfazione e questa sensazione di unità deve essere ampliata. Quando do a qualcuno ricchezza materiale, potere economico o qualcos'altro, devo sentire che è la mia stessa necessità di aumentare la mia sensazione di unità per l’estensione del mondo. Devo sentire che non sono io che sto aiutando qualcuno. Al contrario, sono io ad essere aiutato. Questa carità non è carità, lungi da ciò. È il mio dono di me stesso per realizzare il mio sé superiore totalmente e integralmente, qui nel mondo.

La mia offerta di unità non solo mi apre la porta del Cielo, ma apre anche le porte dell'Infinito, dell'Eternità e dell'Immortalità, poiché l'unità è la prima Canto-Visione di Dio e la Sua definitiva Danza-Realtà-Visione, sempre in costante trascendenza. Se voglio cantare il Canto-Visione di Dio, allora la mia parte più grande e la mia parte più piccola devono essere la Danza-Realtà di Dio in questa Realtà infinita e sempre-trascendente.

2 17 Luglio 1977, 7:35 di mattina — Pista della Jamaica High School, Jamaica, New York


  1. EA50

  2. EA50