La gratitudine di un cercatore

C'era un Maestro spirituale che aveva solo quaranta discepoli. Era molto orgoglioso dei suoi discepoli perché erano tutti sinceri e devoti. Nemmeno un discepolo era insincero. Si sentiva davvero dispiaciuto per altri Maestri spirituali che avevano discepoli non divini, ma era molto grato a Dio che gli avesse concesso discepoli così spirituali, devoti e divini. Ringraziava Dio dal profondo del suo cuore.

Il Maestro era estremamente gentile con i suoi figli spirituali, ed essi erano anche molto generosi con il Maestro. Si prendevano cura dei bisogni fisici del Maestro, come lui si prendeva cura dei loro bisogni interiori e spirituali.

Ogni sera il Maestro permetteva ai suoi discepoli di venire a meditare con lui. O si metteva di fronte a loro o chiedeva loro di venire a mettersi di fronte a lui. Benediceva tutti i discepoli e donava loro dei fiori. Poiché c'erano solo quaranta discepoli, gli ci volevano tre ore. Dopo mangiavano insieme e parlavano fino a notte fonda. Poi di nuovo la sera seguente si riunivano. Così andò avanti per mesi e mesi.

A quei tempi il Maestro permetteva a chiunque di venire a meditare a casa sua. Non era necessaria alcuna autorizzazione. Un giorno apparve a casa del Maestro una giovane donna assolutamente nuova. Come di consueto, il Maestro si avvicinò a tutti i presenti e regalò a ciascuno una bella rosa o qualche altro fiore. Quando il Maestro venne per offrire il fiore a questa particolare signora, essa scoppiò in lacrime. Il Maestro chiese: "Posso sapere cosa ti dà fastidio?"

Lei disse: "È qualcosa di molto segreto e privato. Non posso dirtelo qui."

"Va bene", disse il Maestro, "dopo l'incontro puoi dirmelo se vuoi."

Durante tutto l'incontro questa signora continuò a piangere e singhiozzare. Dopo un po' di tempo il Maestro le disse tranquillamente: "Per favore, per favore, vieni in cucina e dimmi cosa ti preoccupa. Sono pienamente solidale con te, e se posso esserti d'aiuto farò sicuramente quello che posso. Ma i miei discepoli ora stanno meditando nel modo più devoto e profondo. Per favore, smetti di piangere e singhiozzare in modo da non disturbarli."

In questo modo il Maestro la supplicò e alla fine lei andò con lui in cucina. Là cadde ai suoi piedi e disse: "Maestro, non sono sposata e sono incinta, e ora quel furfante mi ha abbandonato! Salvami, salvami! Vengo da una famiglia molto rispettabile. Ti prego, salvami!"

Era ora che il Maestro scoppiasse in lacrime. "Cosa posso fare?" Egli disse.

"Puoi fare qualsiasi cosa, se vuoi," disse la signora. "So che i Maestri spirituali possono fare ogni genere di cose. Per favore, salvami! Non oso dire ai miei genitori cosa è successo."

Il Maestro disse: "Questo tipo di triste storia mi addolora profondamente. Ora che so cosa sta causando la tua sofferenza, riferirò sicuramente la questione al Supremo. Non ho idea di cosa farà. Sta a Lui decidere cosa vuole fare della tua vita. Ma per cortesia fammi un favore. Se vuoi meditare qui, o rimani in cucina o torna nella sala di meditazione e medita in silenzio. Per favore, non piangere più."

Immediatamente la signora disse: "Vuoi davvero riferire la questione al Supremo?"

Il Maestro disse: "Certamente lo farò. Ma non ho idea di quale sarà la Sua decisione. Questo non lo so."

Era così grata al Maestro. Disse: "Se lo riferisci a Lui, è abbastanza."

Il Maestro tornò nella sala di meditazione e meditò con i suoi discepoli. Essi non sapevano nulla di questa conversazione. Erano tutti felici e profondamente commossi dall'aspirazione di questa nuova arrivata che aveva pianto e pianto. Pensavano che il motivo per cui era scoppiata in lacrime era che stava ricevendo la luce e la benedizione del Maestro molto più di chiunque altro. In seguito, mentre stavano facendo il rinfresco, i discepoli chiesero: "Come mai, Maestro, mentre quella signora piangeva e singhiozzava per pura devozione, tu hai dovuto chiederle di entrare in cucina? C'è qualcosa che non va?"

Il Maestro disse: "Queste sono questioni private. Non voglio discuterne con voi."

"È qualcosa di privato? Allora non ha niente a che fare con la sua vita spirituale?"

Il Maestro disse: "C'è qualcosa che non è legato alla vita spirituale? Tutto è spirituale qui sulla terra. Solamente noi dobbiamo sapere come ci relazioniamo con Dio e quale atteggiamento abbiamo quando offriamo ogni nostra azione ai Piedi di il Supremo." Dopo che il Maestro espresse la sua filosofia, tutti tacquero.

Il Maestro riferì la questione al suo superiore, il Signore Supremo, come aveva promesso. Il Supremo disse: "Ora che me l'hai detto, basta: non ci avrai più niente a che fare. Non ti schiererai da nessuna parte. Ora che lo so, sta a Me mostrare a questa fanciulla qualche benevolenza o compassione. Certo, tu sai se l'aiuterò o no, perché non posso nasconderti nulla, così come tu non puoi nascondere nulla a Me. Poiché non possiamo nasconderci nulla l'uno all'altro, saprai quello che Io farò, ma non è affar tuo essere coinvolto in questa faccenda." Così il Maestro tacque e offrì la sua devota obbedienza al Pilota Supremo.

Il giorno dopo quella particolare signora non venne dal Maestro. Infatti per uno, due, tre mesi non venne affatto dal Maestro. Per circa tre mesi il Maestro ringraziò Dio che non fosse tornata. Nessuno chiese di lei al Maestro e la sua divenne una storia totalmente dimenticata. Ma dopo tre mesi, un giorno che il Maestro tornò a casa, vide quella particolare signora alla sua porta. Il Maestro ebbe uno shock terribile. Disse a se stesso: "Ora che tipo di calamità, che tipo di tristi notizie porterà questa volta?" Ma questa volta era una storia diversa quella che la signora aveva da raccontare.

Pose quarantacinque o cinquanta assegni ai piedi del Maestro, e poi gli disse: "La mia vita ti è eternamente grata. Mi hai salvato, hai salvato la mia felicità, hai salvato il mio prestigio. I miei genitori non sanno nulla, e ora sono ancora la loro figlia più cara. Neanche i miei amici e parenti ne sanno nulla. Io so cosa è realmente accaduto, Maestro. Mi hai salvato."

Il Maestro disse: "Cosa è successo?"

"Sono andata dai medici che avevano detto che ero incinta, e questa volta hanno detto che si erano completamente sbagliati. So cosa hai fatto per me. Hai usato il tuo potere spirituale e occulto e hai fatto qualcosa.

"Maestro, vengo da una famiglia ricca, ma io stessa non ho soldi. I miei genitori non mi danno soldi. Ma sono andato in vari piccoli negozi - da parrucchieri, boutique e molti, molti posti - e ho ha detto loro una cosa. Ho detto: 'Ho visto un Maestro spirituale. Non posso nemmeno iniziare a dirvi quanto è grande, quanto è gentile e compassionevole, ma mi ha aiutato così tanto in questa vita che le sono completamente grata. Per favore, per favore, datemi un assegno di due o tre dollari in modo che io possa offrirglielo. Vi prometto che il mio Maestro riceverà questo denaro. Non userò il denaro.' La gente ha visto nella mia faccia e nel mio cuore il mio vero amore e devozione per te, Maestro, e mi hanno dato assegni da due dollari, quattro dollari, dieci dollari, quindici, venti, anche trenta dollari. In questo modo ho raccolto quasi quattrocento dollari, Maestro. Ora te li sto dando con la più profonda gratitudine del mio cuore, eterna gratitudine. Mi hai salvato, mi hai salvato la vita. Ma sai, Maestro, non sono pronta per la spiritualità, per non parlare del tuo sentiero, che è così puro, così divino, così elevato. Quando verrà la mia ora, sono sicura che sarò in grado di essere tua discepola. Ma in questo momento, non sono adatta per la vita spirituale. Come vorrei essere pronta per il tuo sentiero!"

Il Maestro disse: "Come fai a sapere che non sei pronta per la vita spirituale? Sei più che pronta a seguire il mio sentiero. Ti accetterò con tutto il cuore."

Ma la donna disse: "Maestro, conosco le mie debolezze, le mie mancanze, i miei limiti, il mio attaccamento alla vita terrena, alla vita di piacere. Perché dovrei metter alla prova la tua compassione rimanendo con te e accettando il tuo sentiero? So che ci sarà un giorno, per tua grazia divina, in cui sarò pronta per il tuo sentiero spirituale. Quando verrà quel giorno lo saprò e sicuramente verrò a sedermi ai tuoi piedi. Sono sicura che mi accetterai. Ma, nel frattempo, ciò che ti sto dando sotto forma di questa offerta è un segno della mia eterna gratitudine. Ti prego, senti che la mia vita è una ghirlanda di gratitudine posta ai tuoi piedi."

Il Maestro versò lacrime di gratitudine. Disse alla cercatrice: "Beh, tu senti che non sei pronta. Vorrei dire che sei più che pronta. Ma poiché è la tua vita, poiché senti che verrà un momento in cui sarai più pronta, aspetterò quell'ora. Prenditi il ​​tuo tempo. Possa Dio benedirti. Possa Egli riversare le Sue benedizioni più profonde ed elette sul tuo cuore di anelito interiore e sulla tua vita di pura sincerità."

_14 settembre 1974_