{{htmlmetatags>metatag-robots=()}} Dall'albero non divino al frutto divino: Girish Chandra Ghosh

Dall'albero non divino al frutto divino: Girish Chandra Ghosh

Tributi a Girish Chandra Ghosh

Girish ha una fede al centoventicinque per cento.

— Sri Ramakrishna

In G.C. [Girish] solo io ho visto quella vera rassegnazione, quel vero spirito di un servitore del Signore... non ho incontrato il suo parallelo. Da lui ho imparato la lezione della resa.

— Swami Vivekananda

Se uno è in compagnia di Girish Babu anche solo per cinque minuti, si libera dall'illusione terrena... Egli ha un'intuizione così acuta che può vedere a colpo d'occhio il più profondo recesso del cuore di un uomo, e in virtù di questa potente intuizione è stato in grado di riconoscere il Maestro come un Avatar.

— Nag Mahashay

Che tipo di uomo è questo?

Nei suoi primi anni, Girish Chandra Ghosh visse una vita non divina all'estremo. Non gli importava affatto della spiritualità, ma aveva un buon cuore. Nel corso del tempo, divenne un eminente attore, drammaturgo, poeta e figura letteraria nel suo nativo Bengala.

Per tre volte Girish non riuscì ad accettare Sri Ramakrishna come suo Maestro. La prima volta gli capitò di andare a casa di un suo amico. Sri Ramakrishna fu invitato quello stesso giorno. Sri Ramakrishna cantò in modo molto profondo alcuni canti spirituali e anche rispose alle domande. In diverse occasioni entrò in trance.

Scese la sera e il padrone di casa accese le lampade. Sri Ramakrishna chiese a coloro che erano intorno a lui: "È sera? È sera?"

Girish pensò tra sé: "Che tipo di uomo è questo? Se non è sera, avrebbero messo le lampade? Questo dovrebbe essere il segno di un'anima realizzata da Dio?"

Era piuttosto deluso. Non vide nulla di insolito in Sri Ramakrishna e se ne andò.

Una cattiva impressione

La seconda volta che Girish vide Sri Ramakrishna fu a casa di un altro ammiratore. Girish era stato invitato dal suo amico e aveva accettato di andare. Quando entrò nella stanza, vide che Sri Ramakrishna stava parlando con una giovane ragazza e scherzava con lei. Il suo nome era Bidhu. Era seduta di fronte a Sri Ramakrishna. Allora Sri Ramakrishna le chiese di cantare alcuni canti per lui.

"Come può una persona realizzata in Dio fare battute come queste?" disse Girish. Poiché la sua mente era piena di dubbi, non poteva decidere se avvicinarsi o meno a Sri Ramakrishna. Poi un suo vecchio amico che era il fondatore di /Amrita Bazar Patrika, il più famoso giornale in lingua inglese del Bengala, si avvicinò a lui. Il nome dell'amico era Sisir Kumar Ghosh ed era piuttosto conosciuto. Sfortunatamente, anche lui non vide nulla in Sri Ramakrishna. Disse a Girish: "Dimmi, come può un uomo spirituale condurre questo tipo di vita? Andiamo."

Girish rispose: "Aspetta e vediamo ancora un po'." Ma il suo amico era impaziente. "No, no, non perdere tempo," disse. Quindi entrambi lasciarono la casa dopo aver ridicolizzato il comportamento di Sri Ramakrishna. Sri Ramakrishna fece loro una pessima impressione.

Quello fu il secondo incontro di Girish con Sri Ramakrishna.

Sri Ramakrishna assiste a uno spettacolo

Un giorno Sri Ramakrishna andò allo Star Theatre di Girish per vedere "La vita di Sri Chaitanya," un'opera teatrale che Girish scrisse e diresse. Sri Ramakrishna era accompagnato da due o tre dei suoi assistenti, incluso M. (Mahendranath Gupta), che era il suo biografo. Poiché Girish era il direttore del teatro, M. andò da lui e gli disse: "Sri Ramakrishna è venuto. Pensi di potergli dare un biglietto gratis? Altrimenti paghiamo noi."

Girish disse a M.: "Posso dargli un biglietto gratis, ma non a quelli che lo accompagnano. Gli altri dovranno pagare." M. diede la notizia a Sri Ramakrishna e Sri Ramakrishna scese dalla carrozza. Non appena vide Girish, Sri Ramakrishna si inchinò a lui. Poi Girish Ghosh si inchinò a Sri Ramakrishna. Ancora una volta Sri Ramakrishna si inchinò a Girish.

Girish si disse: "Questo non finirà mai!" e così portò Sri Ramakrishna in un bel posto nella sala del teatro che era riservato per biglietti costosi. Dopo essersi assicurato che Sri Ramakrishna fosse a suo agio, Girish tornò a casa perché non si sentiva bene.

Quello fu il suo terzo incontro con Sri Ramakrishna.

Il cuore di Girish si scioglie un po'

Una volta Sri Ramakrishna stava andando a casa di un discepolo quando vide qualcuno in piedi sulla veranda fuori da una particolare casa. Era Girish Ghosh. Sri Ramakrishna guardò Girish e si inchinò a lui, e anche Girish si inchinò a Sri Ramakrishna. Quindi Sri Ramakrishna e i suoi discepoli proseguirono verso la loro destinazione.

Là i discepoli stavano facendo domande a Sri Ramakrishna e lui stava andando in trance. Improvvisamente Sri Ramakrishna disse a uno di loro: "Va' e invita Girish." Il discepolo corse e diede il messaggio a Girish.

Girish disse: "Dal momento che mi ha invitato, andiamo a vederlo."

In quel periodo della sua vita, Girish stava vivendo una tremenda lotta interiore tra dubbio e fede, tra l'esistenza di Dio e la non esistenza di Dio. Tutti i sentimenti positivi e negativi erano in conflitto dentro di lui. Di conseguenza, era assolutamente infelice.

Non molto tempo prima era andato a trovare un suo amico pittore. Questo amico gli disse: "Senza un Guru, non si può realizzare Dio. Si ha bisogno di un Guru."

Girish tornò a casa piangendo. Gridò: "O Dio, quando avrò un Guru? Quello che ho visto, Sri Ramakrishna, non va bene. È un falso Guru. Quando troverò un vero Guru?"

Questa era la condizione interiore di Girish quando accettò l'invito personale di Sri Ramakrishna. Andò in quella particolare casa ed entrò nella stanza dove Sri Ramakrishna era seduto con i discepoli. Poi chiese a Sri Ramakrishna: "Cos'è un Guru?"

Sri Ramakrishna rispose: "Un Guru è un paraninfo. Prende l'appuntamento tra l'uomo e Dio. Poi il suo lavoro è finito."

Quando Girish udì queste parole, il suo cuore si sciolse un po'. Rimase seduto in silenzio per un po' e poi chiese: "Cos'è il mantra?"

"Il Mantra è il nome di Dio," disse Sri Ramakrishna.

Gradualmente, gradualmente, Girish si stava sciogliendo. Sri Ramakrishna stava dando a Girish molte indicazioni che era il Guru di Girish, ma Girish non riusciva ancora ad accettare pienamente Sri Ramakrishna.

Così quello era il loro quarto incontro.

Sri Ramakrishna paga il prezzo intero

Un giorno Girish andò a Dakshineshwar con alcuni amici per visitare Sri Ramakrishna. Sri Ramakrishna gli disse: "Girish, mi è piaciuta la tua commedia su Sri Chaitanya. L'ho trovata così reale. Sono rimasto profondamente commosso dallo spettacolo e dalla sensazione della vita di Sri Chaitanya che hai creato. Voglio andare di nuovo al tuo teatro. Questa volta non voglio che tu mi dia un biglietto gratis. Voglio pagare."

"Va bene," disse Girish, "allora il prezzo è di otto anna."

"Otto anna fai pagare per quel dannato posto!" disse Sri Ramakrishna. "Otto anna devo pagare? Ho bisogno di un posto migliore."

"Sicuramente ti daremo un posto molto migliore." disse Girish.

"Allora sono pronto a darti una rupia," disse Sri Ramakrishna.

"Se è questo che vuoi dare, lo accetterò," fu la risposta che Girish diede.

Ora guarda cosa successe! La prima volta che Sri Ramakrishna andò a teatro, Girish gli diede il biglietto gratis. La seconda volta accettò denaro da Sri Ramakrishna. Dio sa, forse questo era tutto l'affettuoso scherzo di Sri Ramakrishna con Girish. Sri Ramakrishna voleva pagare e Girish voleva prendere dei soldi per benedizione da Sri Ramakrishna.

Un'enorme trasformazione

Dopo che ebbero discusso il prezzo del biglietto, Sri Ramakrishna disse a Girish: "Posso vedere che in te sta avvenendo un'enorme trasformazione. Vedi solo la tua vita esteriore, ciò che stai facendo esteriormente, ma dentro di te c'è così tanto divinità e amore per Dio."

Girish era semplicemente stupito. Disse: "Sto vivendo una vita così non divina e tu vedi così tanta purezza e divinità in me! E amore per Dio! Se avessi anche solo un briciolo di amore per Dio, condurrei questo tipo di vita non spirituale? Assolutamente no!"

Sri Ramakrishna disse: "No, no, lo sto vedendo! Lo sto vedendo!"

Così Girish era perplesso e, allo stesso tempo, provava grande gioia all'idea che ci fosse qualcosa di divino dentro di lui. Da un lato, ora aveva sviluppato una certa fede in Sri Ramakrishna, ma dall'altro la vita che viveva era totalmente contraddittoria con ciò che Sri Ramakrishna stava dicendo di lui.

Dammi la tua procura

Un giorno Sri Ramakrishna disse a Girish: "Vedo che tipo di vita stai conducendo, ma non preoccuparti. Dammi solo la tua procura."

"Cos'è questo?" chiese Girish. "Cosa intendi per 'procura'?"

Sri Ramakrishna gli disse: "Qualunque cosa tu stia facendo, puoi continuare a farla, dì solo che sono io il responsabile."

"Come lo posso fare?" gridò Girish.

"Ti sto dicendo di farlo," disse Sri Ramakrishna. "Sono pronto a prendere tutti i tuoi cosiddetti peccati."

Così Girish diede a Sri Ramakrishna la sua procura. Poi Girish scoprì che non poteva più condurre la sua vecchia vita. Stava cercando disperatamente di continuare a bere, incontrarsi con le donne e così via, ma non era in grado di entrare pienamente in quelle attività perché non poteva sopportare di portare Sri Ramakrishna in quelle situazioni. Stava esitando ed esitando riguardo alle sue vecchie abitudini perché non voleva causare alcuna sofferenza a Sri Ramakrishna.

Sri Ramakrishna gli aveva assicurato: "Non soffrirò. Fai quello che vuoi. Non rinunciare a nulla."

Questo è il modo in cui Girish arrivò ad accettare Sri Ramakrishna e a sviluppare una tale fede in lui. Alla fine, arrivò al punto in cui Girish era così devoto e arreso a Sri Ramakrishna che avrebbe sfidato chiunque avesse osato dire che Sri Ramakrishna non era realizzato in Dio.

Dicono che Girish sia stato il primo a dichiarare che Sri Ramakrishna era un Avatar. I pandit ne stavano discutendo e lui presentò una prova così forte a favore del suo Maestro.

Bevi, bevi davanti a me

Sebbene Girish ora fosse sempre per Sri Ramakrishna e avesse sviluppato la devozione più sincera per il suo Maestro, non era ancora completamente in grado di rinunciare al bere e ad alcune altre cattive abitudini. Di conseguenza, alcune volte succedeva che arrivava a Dakshineshwar in una carrozza e lasciava la sua bottiglia di vino all'interno della carrozza.

Una volta, quando Sri Ramakrishna notò che Girish era arrivato senza la sua bottiglia di vino, disse: "Ora che Girish è qui con me, la carrozza può partire in qualsiasi momento e allora può avere sete." Così Sri Ramakrishna mandò un discepolo a prendere la bottiglia di vino di Girish.

Allora Sri Ramakrishna disse a Girish: "Per favore, bevilo davanti a me. Bevi, bevi davanti a me."

In questo modo, con estrema compassione e affetto, Sri Ramakrishna conquistò il cuore di Girish Ghosh e Girish si arrese completamente a lui. Dopo alcuni anni, Vivekananda commentò di aver visto molti, molti devoti, ma non aveva visto nessuno che fosse il parallelo di Girish Ghosh. Vivekananda disse che Girish non aveva eguali nella resa di sé al suo Maestro.

Commento

Mi capita di essere il vostro Maestro spirituale. Alcuni di voi mi hanno accettato la prima volta che mi hanno visto; alcuni sono venuti per curiosità, mentre altri sono venuti perché i vostri genitori e i vostri cari vi hanno portato. Ma se ci metteste due o tre o anche quattro volte ad accettarmi, niente di male. Persino Swami Vivekananda all'inizio non poteva accettare Sri Ramakrishna. Dubitava di Sri Ramakrishna e discuteva con lui. Poi Vivekananda divenne il più caro discepolo di Sri Ramakrishna grazie alla forza del suo amore, devozione e resa. Sri Ramakrishna sapeva chi era Vivekananda interiormente, anche se esteriormente Vivekananda non lo accettava perché aveva sviluppato una mente occidentale.

Ora avete sentito la storia di Girish Ghosh. Egli visse una vita proprio non divina, ma Sri Ramakrishna vide la sua divinità. Sri Ramakrishna sapeva che il suo cuore piangeva e piangeva per l'Amore e la Compassione di Dio. Dalla vita esteriore di qualcuno, non si può giudicare quale sia la sua vita interiore.

Per tre volte Girish non accettò Sri Ramakrishna. Non riuscì nemmeno a vedere qualcosa in Sri Ramakrishna. La prima volta pensò che Sri Ramakrishna fosse un idiota. Anche quando le lampade erano accese, Sri Ramakrishna doveva continuare a chiedere: "È sera? È sera?"

La seconda volta una ragazza stava cantando davanti a Sri Ramakrishna e prima egli aveva fatto battute con la stessa ragazza. Girish non poteva immaginare che un'anima realizzata in Dio si sarebbe comportata in quel modo.

La terza volta, quando Sri Ramakrishna andò al suo Star Theatre, Girish accolse educatamente Sri Ramakrishna, ma non vide nulla dentro di lui. Disse a Sri Ramakrishna di sedersi e poi tornò a casa perché non si sentiva bene.

Per tre volte consecutive non era riuscito ad accettare Sri Ramakrishna, ma Sri Ramakrishna, essendo realizzato in Dio, vedeva così tante qualità divine dentro Girish. Sri Ramakrishna stesso era divino, sia nella sua vita interiore che esteriore, ma Girish non fu in grado di vedere la divinità di Sri Ramakrishna all'inizio. Solo più tardi divenne così devoto e auto-donante.

Fortunati coloro che, fin dall'inizio, possono riconoscere il loro Maestro e fare continui progressi, perché la vita spirituale è un viaggio senza fine. Ma non importa quante volte ti prendi, fintanto che riconosci colui che è destinato ad essere il tuo Maestro, i tuoi problemi saranno sicuramente risolti. E il tuo progresso sarà più rapido se riuscirai a mantenere, dall'inizio alla fine della tua vita spirituale, durante tutto il tuo discepolato, il tuo amore, la tua devozione e la tua resa implicitamente, allegramente, con dono di te stesso e incessante.

Pazzo sentimento emotivo bengalese

Un giorno Girish decise che non avrebbe più creduto in Sri Ramakrishna a meno che non avesse ricevuto un segno speciale da Sri Ramakrishna. Era pronto a dare la vita per il suo Maestro, ma allo stesso tempo malediceva il suo Maestro. Questa è tutta una pazza sensazione emotiva bengalese. Un momento diciamo che sei la persona migliore possibile; un attimo dopo diciamo che sei il peggiore.

Comunque, lo stesso giorno in cui Girish prese la sua decisione, a tarda notte, sentì bussare alla sua porta. Egli aprì solo per scoprire che il suo Maestro era lì. Sri Ramakrishna era venuto a vedere personalmente Girish.

Questo tipo di esperienza donò a Girish un'enorme fede nel suo Maestro.

Girish raggiunge l'altezza

Durante la vita di Girish Ghosh, gli inglesi governavano l'India. Una sera, un grande patriota di nome Vidyasagar andò a vedere uno spettacolo allo Star Theatre di Girish Ghosh. La commedia riguardava le azioni degli inglesi. Forse saprete che gli inglesi torturavano senza pietà i poveri indiani. Un capitano in particolare era famoso. Istigava gli altri ad essere crudeli con gli indiani perché gli indiani stavano combattendo per la libertà della loro Patria. Molti di questi soldati britannici erano soliti picchiare e punire spietatamente gli indiani.

Quando arrivò a un certo punto della commedia in cui questo capitano si stava comportando in modo più crudele, il grande studioso si infuriò. Si alzò, si tolse i sandali e li lanciò all'attore, che per caso era Girish Ghosh.

Immediatamente, Girish raccolse i sandali di Vidyasagar e li mise sulla sua testa e sul suo cuore dicendo: "Oggi ho raggiunto l'apice della perfezione nella mia performance. Sono un indiano, ma sto interpretando il ruolo di un capitano britannico. Dovevo identificarmi completamente con la sua brutalità e l'ho fatto."

Ha nascosto tutto

Girish Ghosh aveva un tale amore, rispetto e devozione per Sarada Devi, la consorte di Sri Ramakrishna. Girish soleva dirle: "Siamo sciocchi! Sri Ramakrishna a volte mostra miracoli usando il suo potere occulto. Ecco perché alcune persone credono che sia Dio. Nel tuo caso, tu hai tutto, ma lo hai nascosto. Ti comporti come una ragazzina di villaggio. Ecco perché è più difficile. Ma il nostro amore per te è tale che non importa cosa nascondi dentro, sappiamo che hai la stessa realizzazione in Dio di Sri Ramakrishna. Tu sei Dio stesso, il Supremo." Una volta che Girish accettò pienamente Sri Ramakrishna, non ebbe alcuna difficoltà ad accettare Sarada Devi. Ed era più vecchio di lei di quasi dieci anni.

Devozione grottesca

Un giorno dopo la morte di Sri Ramakrishna, Sarada Devi stava tornando dalla sua casa del villaggio a Calcutta. Il suo treno era in ritardo di diverse ore. Rakhal, Baburam e alcuni altri discepoli intimi di Sri Ramakrishna stavano tutti aspettando alla stazione ferroviaria per ricevere le sue benedizioni. C'erano anche due assistenti di Sarada Devi.

Quando il treno finalmente arrivò e Sarada Devi scese, Rakhal e Baburam volevano toccarle i piedi, ma uno degli assistenti non glielo permise. Li rimproverò senza pietà per aver tenuto Sarada Devi sotto il sole cocente.

Quindi Sarada Devi andò con i suoi attendenti a casa sua e i monaci la seguirono, nonostante fossero stati gravemente insultati. Lì trovarono Girish Ghosh in attesa di salutare Sarada Devi. Girish era pieno di devozione per Sarada Devi. Non appena vide Girish, l'inserviente disse: "Le mie parole hanno battuto in ritirata, Girish Babu, davanti alla tua grottesca devozione." Cercò di sgridarlo, ma lui fu altrettanto scortese con lui.

Quando Sarada Devi osservò la loro lotta, si schierò dalla parte di Girish Ghosh e disse al suo attendente: "Ti ho avvertito molte volte di non criticare i miei figli. Non lo tollererò."

Il tocco purificante

Ogni volta che Girish andava a trovare Sarada Devi, prima si faceva il bagno nel Gange. Secondo la nostra tradizione indiana, il Gange lava via tutti i tuoi peccati. Girish sapeva di aver condotto una vita assolutamente non divina e voleva essere purificato prima di andare alla presenza della consorte di Sri Ramakrishna.

Dove sei?

Quando Girish era giunto alla sera della sua vita, ricevette la visita di Sorella Nivedita, la più cara discepola di Swami Vivekananda. Parlarono a lungo di Sri Ramakrishna e Swami Vivekananda. Sebbene Girish fosse piuttosto malato a quel tempo con vari disturbi, era impegnato a scrivere un nuovo dramma intitolato Tapobal.

La sorella Nivedita era sempre piena di apprezzamento per i drammi di Girish e così gli disse: "Ora sto andando a Darjeeling per un breve riposo. Per favore, cerca di finire presto la tua commedia in modo che io possa leggerla quando torno. Ho tanta voglia di leggerla."

Girish promise di tenerla pronta per lei quando tornava a Calcutta. Ahimè, mentre Nivedita era a Darjeeling, si ammalò gravemente e morì.

Girish terminò la sua commedia e la dedicò a lei. Scrisse,Pura Nivedita, Bambina,

Ti sei sempre rallegrata quando venivano messi in scena i miei nuovi drammi. Il mio nuovo dramma viene messo in scena ora, ma dove sei? Quando ero ammalato, prima che tu partissi per Darjeeling, mi avevi detto teneramente: "Spero di rivederti guarito al mio ritorno." Sto ancora vivendo, bambina. Perché non vieni a trovarmi adesso? Ho sentito che sul letto di morte ti sei ricordata di me. Impegnata come sei ora nell'opera del Signore, se ti ricordi ancora di me, accetta questo mio dono di lacrime.

Girish Chandra Ghosh

Questo è stato l'ultimo dramma che Girish scrisse. Pochi mesi dopo, l'8 febbraio 1912, morì anche lui.

Quando Sarada Devi ricevette la notizia della sua morte, disse: "Un vero Indra è caduto."

Le sue ultime parole furono: "Maestro, sei venuto. Per favore, distruggi la mia intossicazione mondana. Vittoria a Sri Ramakrishna! Andiamo."Sri Ramakrishna ha preso pieno possesso del mio cuore e lo ha legato con il suo amore.

— Girish Chandra Ghosh

From:Sri Chinmoy,Dall'albero non divino al frutto divino: Girish Chandra Ghosh, Agni Press, 1999
Sourced from https://it.srichinmoylibrary.com/utd