Saggezza, giustizia e moderazione1

Cari cercatori, cari amici, desidero tenere un discorso su "Saggezza, giustizia e moderazione," che è il motto della Georgia. "Saggezza, giustizia e moderazione" è un motto molto significativo. Se possiamo applicare questi ideali nella nostra vita quotidiana, allora possiamo trarre molta Pace, Luce e Gioia dalla nostra esistenza terrena.

Saggezza. La saggezza è il nostro dono di sé liberale e non il nostro egoismo egoistico. La saggezza è la bellezza della nostra fiamma interiore. La nostra fiamma interiore è il nostro volo di aspirazione verso l'alto. Il nostro volo di aspirazione è l'altezza della nostra Realtà immortale. L'uomo saggio serve Dio nell'uomo. L'uomo saggio ama l'uomo in Dio. Servendo Dio nell'uomo, l'uomo saggio ottiene Pace, Luce e Beatitudine illimitate. Amando l'uomo in Dio, l'uomo saggio amplia la sua visione. Si sente un'estensione della visione sempre crescente, interiore ed esteriore. La saggezza è insieme esperienza e realizzazione. L'esperienza dice al cercatore cosa può diventare alla fine: uno strumento perfetto di Dio. La realizzazione dice al cercatore ciò che è eternamente: un giocatore eterno, divino e supremo.

Giustizia: giustizia umana e giustizia divina. "Come semini, così raccogli:" questa è giustizia umana. "Questo per Quello." "Occhio per occhio e dente per dente." Ma la Giustizia Divina è questa: dai ciò che hai. Devi diventare ciò che Dio è. Date a Dio il vostro bene prezioso, l'ignoranza. Dio ti darà, in cambio, la Sua stessa esistenza, che è Luce inondata di Delizia. Nel nostro mondo umano, la giustizia è più dolorosa che piena di cuore. Nel mondo divino la giustizia è significativa e feconda. Nel vitale della notte, la giustizia ci minaccia e ci spaventa. Nel cuore della Luce, la giustizia ci ispira e ci perfeziona. Nel mondo umano, la giustizia ci costringe e ci punisce. Nel mondo divino la giustizia ci risveglia, ci illumina e ci libera dalle maglie dell'ignoranza.

Il grande filosofo Aristotele una volta osservò: "La giustizia è ciò che ogni uomo considera suo." Ora, nella vita spirituale, solo Dio è nostro. Ma questo nostro Dio appartiene anche ad ogni altra anima. Questo Dio può essere rivendicato da ogni singola anima come proprio. Per far sentire agli altri che Dio è ugualmente loro, dobbiamo diventare uno, inseparabilmente uno, con loro. E per diventare inseparabilmente uno con loro, dobbiamo diventare un cielo di Premura e un mare di Amore. Sono i nostri cielo di Premura e mare d'Amore che possono far sentire agli altri che ci appartengono e che noi apparteniamo a loro.

Grazie alla nostra unità, possiamo far vedere agli altri ciò che vogliono e ciò di cui hanno veramente bisogno. Quello che vogliono è il desiderio; ciò di cui hanno veramente bisogno è l'aspirazione. Dobbiamo dire loro che se diamo loro quello che vogliono - l'appagamento del desiderio - allora questo è destinato ad essere seguito dalla frustrazione; mentre se offriamo loro ciò di cui hanno bisogno, l'aspirazione, allora questa aspirazione sarà foriera di realizzazione. E la realizzazione è una conquista eterna, sempre crescente e sempre appagante nell'aspirante coscienza dell'uomo.

Moderazione. Moderazione significa equilibrio. Una vita moderata è una vita equilibrata. Il Buddha ha insegnato la via della moderazione, la via di mezzo. Ci ha avvertito di non andare agli estremi, perché lui stesso era andato agli estremi e scoprì che quella non era la risposta. Un vero cercatore evita tutti gli estremi. Una vita austera e severa non è destinata a lui; né è destinata a lui una vita di costante godimento e piacere. Dobbiamo adottare la via di mezzo. Dobbiamo essere normali e naturali. E nella nostra vita normale e naturale, dobbiamo invocare la vita soprannaturale, la vita della Divinità, dell'Infinito e dell'Immortalità.

Un vero cercatore accetta il mondo esterno. Nella sua accettazione presta una notevole attenzione al mondo esterno. Accetta il mondo interiore. Anche lì presta molta attenzione. Nella sua vita di accoglienza, accetta la realtà come tale e vuole trasformarla con il suo anelito interiore, con il suo amore per Dio, Luce, Verità. Nel suo rifiuto dell'oscurità, rifiuta le cose che sono malsane, le cose che distruggono la sua potenzialità interiore. Ma ancora, ci sono molte cose non divine in una persona che possono essere trasformate in realtà divine. Quindi accetta queste cose e cerca di trasformarle.

La vita è una sfida per noi. Da un punto di vista umano la nostra esperienza terrena è come essere in un campo di battaglia. Ma se andiamo nel profondo, ci rendiamo conto che ogni giorno è un'opportunità, ogni ora è un'opportunità, ogni momento è un'opportunità. Se possiamo utilizzare queste opportunità d'oro, allora l'imperfezione che si profila nella nostra vita di oggi può essere facilmente trasformata in perfezione nella nostra vita di domani.

Nella nostra vita spirituale c'è una scala divina che raggiunge l'apice più alto di Verità, Luce e Beatitudine. Questa scala ha tre pioli. Il primo gradino è moderazione, il secondo gradino è giustizia e il terzo è saggezza. Quando saliamo sul primo piolo, leggiamo il messaggio: "Conosci il Bene." Quando saliamo sul secondo piolo leggiamo il messaggio: "Fai il Bene." E quando saliamo sul terzo, leggiamo il messaggio: "Sii il Bene." Il gradino della moderazione ci insegna a conoscere il bene in ogni cosa nell'intera creazione di Dio. Il gradino della giustizia ci insegna come fare il bene in tutte le nostre molteplici attività. Il gradino della saggezza ci insegna come diventare buoni e come crescere nell'immagine stessa di Dio.

Quando ci manca la saggezza, è una perdita. Quando ci manca la giustizia, è una doppia perdita. E infine, quando ci manca la moderazione, è una tripla perdita. Ma se scopriamo la fede, la fede interiore, allora è un vero guadagno. E insieme ad essa, se possiamo scoprire la nostra aspirazione, allora è un doppio guadagno. Infine, se possiamo scoprire la nostra resa divina, la nostra resa costante e incondizionata alla Luce, alla Sorgente interiore, alla Sorgente reale, allora è un triplo guadagno. Quindi, se possiamo avere fede, aspirazione e resa, allora la Meta destinata non potrà mai rimanere lontana.

Un cercatore è un uomo di saggezza. Vuole vedere la radice dell'albero della Realtà. Poi vuole sentire la necessità di diventare il seme dell'albero della Realtà. Infine, vuole diventare effettivamente il seme dell'albero della Realtà. Quando diventa il seme dell'albero della Realtà, vede che c'è solo una cosa che era, è e sarà per sempre, ed è l'Amore: l'Amore che ha creato, l'Amore che nutre, l'Amore che sostiene l'universo di Dio.

Se mettiamo in pratica ciò che predichiamo, allora la saggezza diventa la nostra professione. Ciò che pratichiamo e ciò che predichiamo dovrebbe essere la stessa cosa: l'amore. Diciamo al mondo di amare, ma in realtà potremmo non offrire amore al mondo. Ma se offriamo amore e diventiamo amore, allora possiamo sicuramente aspettarci di vedere l'amore nel mondo in generale. È Il Potere dell'Amore di Dio che ci costringe a pensare a Lui, a pregarLo, a meditare su di Lui e a reclamarlo come nostro. Come Dio ci rivendica come suoi grazie al Suo Potere d'Amore, così pure ci dice e ci ispira e ci prega di reclamarLo come nostro grazie al nostro amore per Lui.

Quando ci troviamo faccia a faccia con Dio, Egli ci chiede di offrirGli ciò che abbiamo. Se possiamo offrirGli il nostro vero tesoro, un cuore d'amore, Lui lo accetta immediatamente e dice: "Hai superato il tuo esame." Ma se offriamo a Dio tutti i nostri beni del mondo - beni fisici, vitali, mentali - ma non Gli portiamo amore, allora Egli non sarà soddisfatto. Dio dirà: "No, portami il tuo cuore d'amore; quello è il tuo vero tesoro. E una volta che avrò il tuo vero tesoro, allora ti darò il Mio Tesoro, che è Luce e Delizia in misura Infinita."

  1. FFB 37. Student Center Chapel, Georgia Institute of Technology, Atlanta, Georgia, 20 febbraio 1974 — mattina.

From:Sri Chinmoy,Cinquanta Battelli-Libertà verso una Sponda d'Oro, parte 2, Agni Press, 1974
Sourced from https://it.srichinmoylibrary.com/ffb_2