{{htmlmetatags>metatag-robots=()}} Quattordici madri americane e quattordici figlie americane con Sri Chinmoy

Quattordici madri americane e quattordici figlie americane con Sri Chinmoy

Prefazione dell'editore

Domenica 9 marzo 1975, Sri Chinmoy tenne un pranzo speciale per la festa della mamma per le madri delle discepole nell'area di New York. Il pranzo si tenne presso l'Annam Brahma, il ristorante di proprietà dei discepoli in Giamaica, nel Queens. Ad ogni madre fu dato un corpetto al suo arrivo al ristorante e sono stati mostrati alcuni brevi filmati delle attività del Centro. Quindi Sri Chinmoy ha tenuto un discorso alle madri riunite e le ha incoraggiate a fargli delle domande. Ha firmato una copia del Sri Chinmoy Primer per ogni madre e ha anche presentato a ciascuna una piccola scatola contenente otto regali aggiuntivi.

Parte I: La Madre umana e la Madre Divina

La Madre umana e la Madre Divina

Care mamme, sono estremamente felice e grato che siate venute. Io sono il vostro figlio indiano e voi siete le mie madri americane. Sono venuto qui per essere benedetto da tutte voi. Voi siete venute a riversare le vostre benedizioni sulla mia testa devota e sul mio cuore amorevole.

Nelle nostre scritture indiane c'è un famoso detto: "Madre e Patria sono di gran lunga superiori al Cielo stesso." Eccoci alla presenza delle nostre gentili e amorevoli madri.

Un eminente scrittore inglese una volta scrisse: "Come tutti sappiamo, Dio non poteva essere ovunque; ecco perché Dio ha creato le madri." Quando avevo sei o sette anni ho letto questo in bengalese ed ero felicissimo. Ma all'età di dodici anni, quando ho perso la mia madre fisica, ho dato molto più valore a questa nobile affermazione. Nel mio caso Dio, per la Sua infinita Grazia, ha riversato le Sue migliori benedizioni sul mio cuore arreso; quindi, ora sono in grado di contattare mia madre in Paradiso. Solo mezz'ora fa mia madre è venuta da me nella mia stanza con un messaggio speciale dal Cielo. Ad alcuni di voi questo può sembrare ridicolo e assurdo, ma le mie studentesse, che sono le vostre care e amorevoli figlie, crederanno a quello che sto dicendo.

Cielo e terra sono come due stanze. In un momento possiamo essere in una stanza, la terra, e il momento successivo possiamo andare consapevolmente nell'altra stanza, il Paradiso. Quando preghiamo Dio e meditiamo su Dio, queste cose non solo sono possibili e praticabili, ma inevitabili. Per Sua infinita Gentilezza, Dio mi ha dato la capacità di avere libero accesso a entrambe le stanze.

Tengo discorsi in vari luoghi per offrire luce a molti cercatori e aumentare la loro aspirazione. Ma oggi non sono venuto qui per offrire luce alle mie madri americane. Come figlio, vengo a condividere le mie esperienze del mondo interiore e del mondo esteriore.

Per cominciare, vorrei dirvi che le vostre figlie che stanno seguendo il nostro cammino non hanno in alcun modo rinunciato alle loro religioni. Dico ai miei studenti che la religione è come una casa e essi devono vivere nelle loro case, perché come possono vivere in strada? Così nell'intimo dei loro cuori le vostre figlie vivono nelle rispettive religioni.

Mi capita di essere il loro insegnante. Il termine che usano è 'Guru', una parola sanscrita che significa 'colui che illumina'. Colui che illumina la coscienza spenta di qualcuno è chiamato Guru. Ma per essere assolutamente franco con voi, non sono il vero Guru. Nessun essere umano può essere il vero Guru. Il vero Guru è il Pilota Interiore dentro di loro, dentro di me, dentro tutti noi. Ma grazie alla mia unione con il mio Pilota Interiore, posso essere di servizio dedicato, devoto e arreso a coloro che seguono il nostro sentiero.

Dico ai miei studenti che il nostro è uno dei tanti sentieri; non è l'unico sentiero. Ancora una volta, li scoraggio sempre dall'avere un senso di competitività. Molte strade portano alla stessa destinazione. Sebbene altri Maestri e i loro seguaci o devoti possano affermare che la loro è l'unica via verso Dio, dico ai miei studenti che questo è l'atteggiamento sbagliato. Ogni Maestro sincero, ogni discepolo sincero, sta facendo la cosa giusta secondo la sua ricettività interiore e capacità interiore di realizzare la Verità più alta e rivelare e manifestare questa Verità.

All'inizio forse alcuni di voi pensavano che questo furfante indiano avesse portato via i vostri figli. Vi siete sentite dispiaciute e avete pensato male di me. Ma desidero dirvi che non vi ho portato via le vostre figlie. Il Supremo in voi e il Supremo in me volevano che io diventassi lo strumento per elevare la coscienza dei vostri cari figli. Ci sono molte cose che le vostre anime volevano che facessi, e che il vostro intimo voleva che facessi, ma purtroppo voi non eravate e non ne siete consapevoli. Quando l'anima non viene alla ribalta, quando la mente fisica non è totalmente cosciente o convinta della luce e della realtà dell'anima, la mente fisica molto spesso dubita della voce interiore. È la voce interiore, che avete tutti voi, che ha voluto che questi vostri figli accettassero un sentiero spirituale, conducessero una vita migliore e sentissero Dio come proprio in ogni momento della loro esistenza.

Potreste chiedere: "Perché o come mai i nostri figli non hanno trovato soddisfazione nelle nostre chiese e nel nostro modo di adorare Dio? Perché hanno dovuto accettare un modo indiano di realizzare la Verità?" Vorrei dire che questo non è un modo indiano, non è un modo orientale o un modo occidentale. Questo è un modo universale di risvegliare l'umanità attraverso l'esperienza interiore.

In Occidente cerchiamo di raggiungere Dio principalmente con la preghiera e in Oriente cerchiamo di realizzare Dio attraverso la meditazione. Ma sia la preghiera che la meditazione sono di fondamentale importanza nella vita interiore. Quando preghiamo, ci rendiamo conto che stiamo parlando devotamente con il Padre Onnipotente ed Egli ci ascolta. Quando meditiamo con mente tranquilla e con cuore che aspira, in quel momento stiamo ascoltando il Messaggio di Dio dall'interno. In entrambi i casi siamo coinvolti in una conversazione spirituale. A volte i bambini parlano; a volte parla il Padre. In Oriente cerchiamo di ascoltare ciò che il Padre ha da dire e in Occidente cerchiamo di far sentire al nostro Padre ciò che abbiamo da dire. Ma nel nostro sentiero stiamo cercando di combinare sia la preghiera che la meditazione. Con la preghiera diciamo al Padre Onnipotente delle nostre sofferenze e di ciò che veramente e realmente vogliamo da Lui. Al momento della nostra meditazione Egli ci dice cosa dobbiamo fare, cosa dobbiamo fare per diventare i Suoi figli più cari e perfetti.

Sono sicuro che quando voi stessi pregate o meditate, sentite che i vostri figli stanno facendo assolutamente la cosa giusta. Stanno pregando, stanno meditando — per cosa? Per condividere con voi le loro conquiste interiori. Siete le loro madri. Avete dato loro amore, affetto, sollecitudine, compassione, conquiste e risultati terreni per molti anni. Avete dato loro tutto ciò che avete e tutto ciò che siete. Ora il fiore della gratitudine nelle vostre figlie sta sbocciando petalo dopo petalo e vi stanno offrendo interiormente ciò che hanno e ciò che sono. Ciò che hanno e ciò che sono è una fiamma dorata, una fiamma ascendente, che chiamiamo aspirazione. Questa aspirazione è il loro anelito interiore. Sale in alto, più in alto, altissimo e dal più alto piano di coscienza trascendentale assoluto fa scendere Pace, Luce e Beatitudine secondo il loro potere di ricettività. Questi doni di benedizione del Supremo esse li condividono con i loro cari.

Senza dubbio siete le care, le più care, carissime alle vostre amorevoli figlie. Avete svolto il vostro ruolo nei loro anni formativi. Quello che avevate, lo avete dato senza riserve e incondizionatamente. Ora, quello che ottengono dalle loro preghiere e meditazioni, ve lo stanno offrendo interiormente. Dio dentro di voi ha svolto un ruolo molto significativo e ora anche Dio dentro di loro sta svolgendo un ruolo molto significativo. Dio non vuole mai rimanere in debito con nessuno. Dio dentro di voi ha dato loro ciò che aveva da offrire loro attraverso di voi. Ora, Dio nelle vostre figlie sta offrendo a ciascuna di voi ciò che ha da offrirvi in ​​e attraverso di loro. Siete obbligato a vedere, sentire e crescere in questo al momento della vostra preghiera e meditazione se riuscite a ricordare ciò che sto dicendo.

Sono sicuro che ormai tutte voi saprete che il nostro è il sentiero dell'amore, della devozione e della resa. L'amore di cui stiamo parlando è l'amore divino, l'amore per il Supremo, che lentamente, costantemente e infallibilmente cresce e si realizza fino a raggiungere la destinazione finale. Questo amore non lega; illumina solamente. L'amore umano vuole legare e accecare. Ma prima di poterci legare, scopriamo che siamo già legati.

Nel nostro amore umano c'è sempre un senso di attaccamento. Invece dell'attaccamento, Dio ci insegna la devozione a una causa elevata, a una Realtà suprema. Usiamo il termine "devozione". Nella vita spirituale ci dedichiamo a una causa elevata senza attaccarci ad essa.

Poi arriva la resa. Nella nostra vita di tutti i giorni, senza aspirazioni, usiamo il termine 'resa' quando vediamo un capo e il suo subordinato, un padrone e uno schiavo. Lo schiavo si arrende alla volontà del suo padrone proprio perché ha paura che se non ascolta il padrone, il padrone lo punirà. Nella vita spirituale non è la nostra paura che ci costringe ad ascoltare i dettami della nostra anima o della nostra esistenza superiore. È un impulso interiore che ci obbliga ad ascoltare qualcosa di profondo dentro di noi. Arriva un momento in cui scopriamo che questo impulso non viene da fuori di noi o da qualcun altro; viene dal Reale in noi, il Divino in noi, il Supremo in noi. Viene a noi da un messaggero dal più alto piano di coscienza e questo più alto piano di coscienza lo possiamo rivendicare come nostro, proprio nostro, quando preghiamo e meditiamo. Quando non preghiamo e non meditiamo, ci rendiamo conto che siamo dell'ignoranza e siamo per l'ignoranza. Ma quando preghiamo e meditiamo, ci rendiamo conto che siamo della Luce infinita e siamo per la Vita eterna e immortale.

"Dalla gioia siamo venuti all'esistenza. Nella gioia dimoriamo e alla fine del nostro viaggio nella gioia ci ritiriamo." Questo è il messaggio di vita che abbiamo appreso dai veggenti indiani del'antico passato. La spiritualità non è e non può essere monopolio unico dell'India. La spiritualità è di tutti, ma bisogna saperla praticare. Qui in Occidente, sfortunatamente, quando preghiamo Dio e meditiamo su Dio, molto spesso incombe la paura. Sentiamo che se facciamo qualcosa di sbagliato, Dio ci punirà; o se facciamo una certa cosa andremo all'inferno e se ne facciamo un'altra andremo in Paradiso. Il senso di colpa abbastanza spesso tortura una mente occidentale.

Ma in Oriente, soprattutto in India, la filosofia è diversa. Per noi, il Paradiso e l'inferno sono dentro di noi. Quando la mente diventa vittima di preoccupazioni, ansie e altre forze non divine, quando la mente è disturbata, agitata, torturata da pensieri brutti, impuri e non divini, ci sentiamo all'inferno. Ma quando la bellezza, la luce e la divinità del cuore vengono alla ribalta e cerchiamo di rivelarle e manifestarle nel mondo che aspira, allora sentiamo di essere in Paradiso. Non dobbiamo aspettare la morte per trovare l'inferno o il Paradiso. Entrambi sono dentro di noi nella nostra vita quotidiana, nella nostra condotta quotidiana. Se siamo sempre colmi d'anima e arresi, siamo in grado di rimanere sempre in Paradiso in questa stessa vita sulla terra.

Per concludere, care mamme, desidero dirvi ancora una volta che questo indiano non vi ha portato via le vostre figlie. Non appartengono a me né a voi né a nessun altro. Appartengono solo al Supremo, che vi ha create e che ha creato i vostri figli. Il Supremo in voi ha voluto che il Supremo in me fosse umile strumento per servirLo nei vostri cari. Quello che sto facendo, vi assicuro, voi tutti interiormente avete voluto farlo per i vostri figli. Conquiste terrene, ricchezze terrene, prosperità terrena avete dato ai vostri figli quanto potevate. Le vostre anime, i vostri esseri interiori, i vostri cuori amorevoli volevan anche dare loro la Pace, la Luce e la Beatitudine del Cielo. Il Supremo in voi sa che ha scelto qualcuno con più capacità per fare la cosa che volevate fare. Le vostre figlie non v hanno lasciato. Al contrario, più vanno in profondità, più vanno in alto, più la loro gratitudine verso le loro madri aumenta in misura illimitata.

Parte II: Domande e risposte

Introduzione

Sri Chinmoy: Ora, vorrei essere al vostro servizio, madri mie. Molte volte ho offerto il mio servizio dedicato alle riunioni pubbliche rispondendo alle domande. Ora desidero condividere con voi le mie esperienze. Se avete domande specifiche su ciò che facciamo, vi sarò estremamente grato per l'opportunità di rispondere.

Domanda: Vorrei sapere perché i tuoi studenti tengono la tua foto sui loro altari.

Sri Chinmoy: Molto bene. Grazie. È una questione di ispirazione. Potresti tenere dei fiori sul tuo altare per avere ispirazione o potrebbe piacerti guardare la fiamma di una candela. Puoi bruciare un bastoncino d'incenso o sederti davanti a una piscina. Dipende da te come vuoi essere ispirato. I tuoi figli sentono dall'interno che quando tengono la mia foto davanti a loro, ottengono un tremendo senso di ispirazione. Ma altri, che non vedono nulla in me ma vedono qualcosa in qualche altra persona o oggetto, possono sentire che è totalmente sbagliato per loro. Sono perfettamente liberi di sentirsi in questo modo e stanno facendo la cosa giusta per loro.

Non sono Dio. Come vi ho detto prima, non sono nemmeno il Guru. No, Dio è qualcun altro. È in Paradiso, è dentro di noi. Dio è anche il Guru. Io sono solo il fratello maggiore nella nostra famiglia spirituale. Dio, il Padre, dà il messaggio al primogenito e gli dice di portare il messaggio ai più piccoli. Il maggiore continua ad aiutare, servire e insegnare ai più piccoli finché non vengono al Padre, e poi il suo ruolo è finito. Quindi anche qui, quando i miei studenti raggiungeranno Dio, il mio ruolo sarà finito.

Per tornare alla tua domanda, i miei studenti non hanno l'obbligo di usare la mia foto. Non li costringo. Lungi da ciò! Ma se sentono di poter trarre ispirazione dalla mia foto o da qualsiasi altra cosa, allora che diritto ho io di dirgli di no, non devono usarla? La mia principale preoccupazione è che facciano progresso nella vita spirituale, e prima è, meglio è, perché stiamo camminando lungo una lunga strada, la strada dell'Eternità. Se abbiamo scoperto qualcosa che accelererà il nostro viaggio, naturalmente lo faremo. Domani potrebbero sentire di poter trarre più ispirazione dalla cima di una montagna o dal sole o dalla luna, e così mediteranno su questo. L'immagine non è il vero Guru, l'immagine non è Dio, ma se li aiuta nella loro aspirazione guardandola, allora stanno facendo una buona cosa.

Domanda: La vita spirituale è molto importante, ma viviamo nella società moderna, non importa quanto sia buona o cattiva. Non pensi che questo tipo di vita sia molto limitante per questi giovani, che raramente vanno a scuola o mantengono un lavoro diverso da te e dal Centro? Ho sentito che hanno bisogno della tua ispirazione e sentono che non è bello stare lontani dal Centro o da questi dintorni per un certo periodo di tempo.

Sri Chinmoy: Dobbiamo sapere che non è buono e non è cattivo. Ma vorrei dire che in questa vita ognuno alla fine diventa il capo di se stesso. Vale a dire, tua figlia ha diciannove o vent'anni. Se non sentisse alcun tipo di beneficio da quello che sta facendo, pensi che starebbe con noi anche per una frazione di secondo?

Quello che dici è perfettamente vero dal tuo punto di vista. Stai cercando di offrire la tua esperienza, la tua saggezza, ma ora lei è abbastanza matura. In questa fase della sua vita sa che ci sono alcune cose che la aiutano a ottenere o a raggiungere gioia dalla sua vita. Che tragga gioia dalla vita che conduce o da qualche altro tipo di vita è del tutto irrilevante. Ma l'unica cosa importante è che se un posto mi dà gioia, ci andrò e ci resterò. Non dico che questo sia l'unico posto per provare gioia. Lontano da me! È così. Io sono l'insegnante e lei è la studentessa. Se lo studente sente che in questo posto sta provando gioia e in altri posti non sta provando gioia, come posso dirle che deve andare in altri posti o che tutti i posti hanno la stessa quantità di gioia? Non posso dirlo perché, dopotutto, è il capo di se stessa. Lei sa dove sta ottenendo gioia. E domani, se non avrà gioia qui, ci lascerà per sempre. Non è che stiamo portando via i vostri figli dalle loro case e dando loro un nuovo orientamento alla vita. L'unica cosa è che trovano qualcosa nella nostra comunità che non trovano altrove, e questa è gioia e nient'altro.

Ma ancora una volta, quando si tratta di visitare i loro genitori, è un'altra cosa. Ti assicuro che ho pregato i tuoi figli di venire a trovarti. Potresti non crederci. Potresti pensare che abbia detto loro: "Non andare, non parlare con tua madre," ma io prego semplicemente alcune ragazze di parlare con le loro madri al telefono, ma loro non mi ascoltano. Puoi chiedere loro se ho chiesto loro di parlarti e di tornare a casa per vederti. Potresti pensare che le tue figlie ti siano disubbidienti, ma vorrei dire che a volte i miei studenti possono anche essere piuttosto disubbidienti con me.

Domanda: Non sto dicendo che dovrebbero andare dove non saranno felici. Sono d'accordo con quello che dici. Ma la maggior parte di loro non prova a sperimentare andando in viaggio per un certo periodo di tempo perché dice che non sarà in grado di mantenere la stessa ispirazione per un mese o due mesi. Come fanno a sapere che non saranno felici di vedere diverse parti del mondo o di andare in campeggio in un parco nazionale?

Sri Chinmoy: Ti prego, credimi, non le ho dissuase dall'andare da nessuna parte. La maggior parte dei miei studenti va a scuola ogni giorno. Quando tornano da scuola dopo aver trascorso là quattro o cinque ore, mi dicono che diventano personalità totalmente diverse. Non glielo chiedo, ma dicono che ora sono diversi dai loro ex amici e vicini. Ora le loro idee sono diverse, i loro obiettivi sono diversi. Non possono tollerare i loro cosiddetti ex amici per più di un breve periodo. Quindi pensi che saranno davvero felici quando se ne andranno per un lungo periodo di tempo?

Ma ancora una volta, dico loro che se devono andare da qualche parte, se i loro genitori chiedono loro di andare, allora dovrebbero assolutamente andare. La signora Hein è qui. Quattro anni fa, quando lei e il signor Hein volevano che i loro figli andassero in Israele, avevo qualche obiezione? Al contrario, ho detto ad Arun, Richard, di andare. Quindi in questo modo, se hanno un posto spirituale in cui vogliono andare, sarò la prima persona a incoraggiarli e ispirarli.

Ma potresti chiedere: "Come fanno a sapere se non gli piacerà il posto o le persone?" Potresti pensare che se escono in viaggio per un mese, si divertiranno. Ora, potresti avere assolutamente ragione e potrei essere d'accordo con te. Ma se non vogliono fare un'esperienza, come posso costringerli? Come posso dire loro che devono fare qualcosa perché questo è ciò che sento meglio? Come loro genitori, puoi provare a costringerli se ritieni che qualcosa sia meglio per loro, ma essendo io un uomo spirituale, la mia politica non è forzare o istigare. La mia politica è solo quella di portare alla ribalta le loro buone qualità. Cercheremo solo di incoraggiare qualcuno a fare la cosa migliore. Quello che qualcuno sente dall'interno è meglio, che lo faccia. Gli dirò solo di andare nel profondo e vedere se sente che questa è la cosa che vuole la sua anima. Poi, cercherò di portare in primo piano il messaggio interiore, che purtroppo in questo momento non conosce. Questi miei studenti possono essere d'accordo con le mie affermazioni, ma da parte mia non imporrò mai loro le mie idee. Non dirò mai che questo è buono o questo è cattivo. Li aiuterò solo ad andare in profondità per scoprire da soli cosa è giusto e cosa è sbagliato.

Domanda: Perché è necessario che i giovani siano separati dagli altri mentre seguono il tuo cammino?

Sri Chinmoy: Separati dagli altri? In che senso? Per favore, potresti essere esplicita?

Domanda: Sai che la sua vita è molto diversa dalle persone intorno a lei.

Sri Chinmoy: Sì, ecco il punto. La sua vita è diversa dalle altre. Questo perché i loro ideali sono diversi dai suoi. Ora puoi dire che i suoi ideali non sono superiori agli ideali che gli altri hanno posto davanti a loro, ma allo stesso tempo, se la tua destinazione si trova al Nord, naturalmente camminerai verso il Nord. Se mi metto in cammino verso il Nord sapendo perfettamente che la mia meta è al Sud, allora mi perderò completamente.

Quindi hanno una meta, come ho detto prima. Non diciamo mai che la nostra meta è più elevata degli obiettivi che hanno gli altri, ma abbiamo una meta specifica. Alla fine tutti gli obiettivi sono uno, ma stiamo seguendo un sentiero diverso. Se stai andando verso un luogo o una destinazione, se ci sono varie strade per raggiungere la destinazione, se cambi strada continuamente, come farai a raggiungere la tua destinazione? La meta finale è in un posto, ma ci sono obiettivi subordinati, obiettivi minori e molti sentieri. Ora, se sentono che il loro obiettivo è in un luogo particolare, naturalmente cammineranno verso quella destinazione. Ma non diranno mai che il loro obiettivo è più elevato degli obiettivi degli altri. No! Non lo diciamo mai. Ma se ho scelto un sentiero per arrivare a destinazione, devo seguire una strada particolare. "Tutte le strade portano a Roma." Sei perfettamente libero di seguire la strada che ti piace. Roma è in un posto particolare. Ma se mentre vado a Roma in questo momento prendo l'aereo della TWA, poi in un altro momento desidero cambiare compagnia aerea, come farò il cambiamento? Ci sarà un incidente o cadrò tra i due aerei a mezz'aria!

Quindi non diciamo mai che il nostro obiettivo o i nostri ideali sono superiori agli altri. Ma noi diciamo solo di conoscere una meta, una meta perfetta. Ora abbiamo trovato una strada. Percorriamo quella strada e vediamo cosa succede. Ma non condanniamo mai o disprezziamo gli altri: vecchi conoscenti, amici o vicini. Non li sentiamo mai inferiori a noi in alcun modo. Stiamo solo camminando lungo il sentiero. Se cambiamo costantemente sentiero, non ci sarà alcuna destinazione per noi. Ma non diciamo mai che gli altri stanno facendo qualcosa di sbagliato e noi stiamo facendo la cosa giusta.

Domanda: Guru, penso che abbiamo tutti la stessa meta e sono profondamente in pace con le strade che J. e C. percorrono. Ma penso che uno dei problemi che i genitori possono affrontare quando i loro figli intraprendono strade che loro stessi non hanno percorso possa essere quello della competizione. Penso che ci sia stato un problema che mi ha toccato molto profondamente, ed è stato quando hai cambiato i loro nomi. Allora ho sentito davvero che stavi cercando di prendere un posto molto prezioso nella loro vita che, fino a quel momento, solo il loro Padre ed io avevamo avuto. Ho sentito che se avessimo accettato la tua grazia, allora anche tu avresti dovuto riconoscere un posto molto speciale che occupiamo anche noi nella vita dei figli.

Sri Chinmoy: Ti sono molto grato per avermi dato l'opportunità di rispondere a questa domanda. All'inizio vorrei dirti che non sono io colui che agisce. Come ti ho detto, ascolto i dettami di Qualcuno che è infinitamente superiore a me: Dio. Poiché tu hai la divinità dentro di te e tutti gli altri hanno la divinità, anch'io sono un umile studente, uno strumento della divinità dentro di me. Qui non sto prendendo in giro me stesso o cercando di fuggire dalla realtà dura e pura. Puoi dire che in nome di Dio sto sfruttando i tuoi figli. Tu puoi dire qualcosa e io posso dire qualcos'altro. Ma non è che goda di un piacere maligno e cerchi di portarli via; non è che ho dato loro i nomi spirituali Hashi e Kanan in modo che non avessero alcun legame terreno con i loro genitori - tutt'altro! Quando ho dato i nomi ai tuoi figli, non è stata opera mia. Dipendo interamente dal comando dall'interno. Sono uno schiavo perfetto, diciamo, dell'Autorità interiore. Quando l'Autorità interiore mi dice: "Dai questo nome a quella persona in particolare," mi limito ad ascoltare. Il Supremo che è dentro, che è il mio Pilota, che è il tuo Pilota, che è il Pilota di tutti, mi ha comandato di dare nomi ad alcuni discepoli. Ci sono molti, molti discepoli che non hanno ancora nomi spirituali; i loro nomi non mi sono ancora giunti.

Ottenere un nome spirituale significa che provano una grande gioia, come se fossero sul punto di raggiungere la loro meta. Questa non è una giustificazione. Desidero solo dirvi perché il Supremo ha voluto che dessi nomi spirituali ad alcuni dei discepoli che erano in grado di riceverli. Perdonami, ma quando i loro genitori hanno dato loro dei nomi, per essere molto franco con te, non erano nel più alto piano di coscienza. I genitori hanno sentito un nome che gli piaceva, oppure i bambini hanno dovuto prendere il nome del padre o il nome della madre o il nome di un parente. Ma i nomi che avevano i loro genitori e nonni vengono solo per esperienza umana. C'è qualche genitore che ha meditato per ore e ore per ottenere un nome per i suoi figli? No, nemmeno uno!

Qui in Occidente mi sono imbattuto in alcuni nomi come Buffy e così via. Usando il termine 'Buffy' o qualche altro nome, trai ispirazione? Ma se ricevi un nome spirituale che incarna pace, luce e beatitudine in misura abbondante, naturalmente questo porterà al di fuori tutte le tue buone qualità. Io ho un accesso immediato e gratuito alle anime dei tuoi figli, e quando do loro un nome spirituale che incarna le qualità delle loro anime, immediatamente queste qualità vengono fuori. Questi nomi spirituali cambiano immediatamente la loro visione interiore su Verità e Luce.

Kanan significa boschetto, boschetto di loti. Il loto è l'emblema della coscienza spirituale dell'India. Se usi il nome Kanan, pensi a un fiore di loto petalo dopo petalo. Allora cosa succede? Il tuo amore per Dio continua a crescere, la tua gratitudine continua a crescere, il tuo apprezzamento per la Verità continua a crescere. Quindi queste sono le cose che il Supremo in me, il Supremo in Kanan e Hashi, il Supremo in tutti i miei studenti, vuole che io faccia.

Quando i tuoi figli ricevono i loro nomi spirituali, faccio una dichiarazione audace. Dico loro che non devono nemmeno ripetere il nome di Dio se ripetono i nomi delle loro anime, perché i loro nomi vengono da Dio. Invece di ripetere "Dio", se ripetono i nomi delle loro anime, automaticamente Dio viene in primo piano. Potresti dire che sembra assurdo, ma conosco l'unità inseparabile che le loro anime hanno con Dio. Il loro padre si chiama Mr. Tal dei Tali in ufficio; a casa è "papà" e i suoi amici lo chiamano con un altro nome. Ma è la stessa persona. Allo stesso modo, l'anima e il Supremo sono totalmente la stessa cosa.

Potresti chiedere cosa c'è di sbagliato con i loro nomi precedenti. Niente è sbagliato. Sei sempre perfettamente libera di chiamarli con i loro nomi americani. Non dirò mai ai miei studenti di riattaccare o di non parlare con le loro madri se le loro madri telefonano loro e li chiamano con i loro nomi americani. Al contrario, il loro insegnante indiano ama fare battute con loro. A volte li chiamo con i loro nomi americani, anche se mi è molto difficile ricordarli. Una volta che do loro nomi indiani, poi dimentico i loro nomi americani e mi ci vuole molto tempo per ricordarli. A volte chiedo agli altri di dirmi quali sono i loro altri nomi.

Come ho detto prima, tutto ciò che ci dà ispirazione o aumenta la nostra ispirazione lo faremo. Lascia che facciano un confronto tra i loro nomi precedenti e i loro nomi attuali. Sono cercatori e seguaci della Verità e sanno che ricevono luce, delizia e una gioia tremenda quando ripetono i loro nomi spirituali. Non è perché li hanno ricevuti da un indiano, ma perché sentono che c'è una realtà e una luce infinite in ciò che è dentro i loro nomi.

Care mamme, non vi ho preso e mai vi porterò via i vostri figli. L'unica cosa è che il Supremo in me vuole che vi apprezzino, vi apprezzino e vi ammirino su un piano di coscienza molto, molto alto. Altrimenti, sul piano fisico, se devono apprezzare e ammirare i loro genitori, potrebbero non sottoscrivere sempre le vostre opinioni. Puoi dire "Questo è nero" e loro possono dire "No, questo è bianco" o "Questo è giallo." Se vengono al tuo piano o tu vieni al loro piano e trovate difetti l'uno con l'altro, allora ci saranno discussioni e non c'è fine alle tue incomprensioni. Ma se tu ed entrambi salite su un piano di coscienza molto alto, che non appartiene né a voi né a loro, e poi vi avvicinate, in quel momento ciò che vedete come verità, anche loro sono tenuti a vederlo come verità; e ciò che sentono come verità, anche tu sei obbligato a sentirlo come verità. Se sali solo un gradino sulla scala dell'aspirazione, sentirai in ogni momento che ciò che stanno facendo è giusto e ciò che stai facendo sarà giusto secondo loro. Stanno cercando di realizzarti, di aiutarti, di servirti su un alto piano di coscienza. Quindi, se vai in profondità dentro di te, vedrai che sono perfettamente tutt'uno con te.

Domanda: Ci sarà un tempo in cui le nostre figlie potranno mantenere molte delle cose meravigliose che stanno imparando e diventando e se ne andranno nel mondo e saranno da sole? Riusciranno ancora a sentire la spiritualità interiore dentro di loro senza dover essere più o meno centrati in quest'area?

Sri Chinmoy: Nella tua domanda, c'è la mia risposta. Iniziamo con un seme. Il seme germina. Prima è un alberello, poi una tenera pianta; poi diventa un enorme albero di banyan. I tuoi figli ora sono come tenere piante. Consiglieresti alle tenere piante di essere sradicate e spostate da qualche altra parte? Corri un rischio enorme se porti una piccola pianta da un posto all'altro. L'impianto sarà danneggiato o completamente distrutto. Ma quando la pianta diventa un enorme albero e inizia a dare frutti, in quel momento questo frutto può diventare il successo o il possesso del mondo intero. Quindi puoi portare il frutto in qualsiasi parte del mondo e l'albero non verrà distrutto o danneggiato.

Qualunque cosa i tuoi figli stiano imparando da me è buona, e nel corso del tempo quando questo darà i suoi frutti, naturalmente andranno in tutte le parti del mondo per servire il Supremo nell'umanità. Io lo sto facendo ora e, in futuro, i tuoi figli faranno lo stesso. Ma in questo momento, la maggior parte di loro non ha ricevuto o ottenuto abbastanza da condividere con il mondo. Ancora una volta, alcuni dei nostri studenti hanno imparato bene la nostra filosofia o sono in grado di condividere la nostra luce con gli altri. Li incoraggio sempre a viaggiare e molti nostri discepoli si recano in vari luoghi del mondo per tenere discorsi e parlare di pace, luce e beatitudine.

Non limiterò i miei studenti a me o a questa piccola Giamaica, nel Queens. No, il mio mondo, il nostro mondo, è molto vasto. A volte i miei amici indiani discutono con me alle riunioni pubbliche. Dicono che l'India sia colpita dalla povertà e che la gente stia soffrendo, quindi cosa ci faccio qui? Dovrei restare in India. Ma dico loro che il mio mondo è molto vasto. Proprio perché il Supremo, l'Onnipotente, l'Onnipervadente, è mio Padre, rivendico il mondo intero come mio. Quindi, secondo la mia comprensione interiore, desidero dire che il mio mondo è tutta la creazione di Dio. Quando i tuoi figli diventeranno luce e gioia, alla fine andranno anche loro a condividere con il resto del mondo i frutti che sono diventati. È solo questione di tempo.

Domanda: Secondo il governo di questo paese, sei considerato una religione? Paghi le tasse o sei esente da tasse come una chiesa?

Sri Chinmoy: La nostra non è una religione; come dicevo prima, il nostro è un sentiero. Ci stiamo dirigendo verso una destinazione e anche tu stai facendo lo stesso; solo che stiamo camminando lungo strade diverse. Ma per tornare alla tua domanda, la nostra è un'organizzazione senza fini di lucro esente da tasse.

Domanda: Perché oggi in America ci sono più Maestri spirituali di quanti ce ne siano stati negli anni precedenti? È perché c'è una maggiore consapevolezza di un bisogno spirituale?

Sri Chinmoy: L'essere umano in noi è molto intelligente. L'umano in India o l'umano in America o l'umano in Occidente potrebbe dire che alcuni furfanti in India volevano diventare multimilionari da un giorno all'altro, quindi sono venuti tutti in America solo per la ricchezza americana. È vero, ci sono alcune persone che dicono che possono dare la realizzazione nell'arco di una notte, come il caffè istantaneo, se diamo loro migliaia di dollari.

Ma siamo seri. Questo non è il mio mondo, questo non è il tuo mondo; questo non è il mondo di nessun individuo. Questo è il mondo di Dio. Siamo tutti figli di Dio. Se Dio, il nostro Padre Onnipotente, chiede ad alcuni individui di condividere con gli altri la pace, la luce e la beatitudine che hanno ricevuto e raggiunto, allora questi individui lo faranno.

Sono cresciuto in una comunità spirituale, un ashram. Sono stato lì per vent'anni, fin dalla mia infanzia. Anche i miei fratelli e sorelle sono stati cresciuti lì. Ero il più giovane e, credetemi, sono stato viziato dal loro affetto e amore. Nella comunità spirituale mi è capitato anche di essere molto vicino, molto intimo con le autorità dell'Ashram, quindi non c'era motivo per l'umano in me di andarsene. Ma ho ricevuto un comando interiore di venire qui e di servire il Supremo nei tuoi figli. Ci sono parecchi altri Maestri che hanno il comando interiore di servire l'America e il resto del mondo. Ancora una volta, ci sono parecchi che sono appena venuti per sfruttare i cercatori e ottenere ricchezza. L'umano negli altri può dire: "Oh, è venuto in Occidente solo per ottenere nome e fama e per glorificare se stesso." Ma il divino in me, il divino in te e il divino negli altri diranno: "No, è venuto in Occidente per servire l'aspirante Occidente."

Come ho detto prima, è una creazione di Dio. Qui alcuni dei suoi figli hanno fame e sete ed Egli ha mandato alcuni dei suoi figli a dissetare e a saziare la loro fame.

I discepoli cantano l'Invocazione

Dopo le domande e le risposte, Sri Chinmoy chiese ai discepoli di venire nella parte anteriore della sala.

Sri Chinmoy: Desideriamo offrirvi la nostra preghiera più importante. Poiché voi avete preghiere significative, questa è la nostra preghiera più significativa. E questa preghiera la offriamo al Supremo in voi, al Supremo in noi, al Supremo Assoluto.

I discepoli cantano l'Invocazione:

Supremo, Supremo, Supremo, Supremo!

Mi inchino a Te, mi inchino.

La mia vita il Tuo aratro d'oro;

La meta del mio viaggio Il Tuo sogno colmo d'anima.

Supremo, Supremo, Supremo, Supremo!

Mi inchino a Te, mi inchino.


Supremo, sono la Tua ardente Grazia.

Il mio mondo, i Tuoi Piedi di Luce;

Il mio respiro, l'aquilone della Tua Visione.

Tu sei una Verità, una Vita, un Volto.

Supremo, Supremo, Supremo, Supremo!

Mi inchino a Te, mi inchino.


Sri Chinmoy: La gratitudine non è una semplice parola. È una realtà viva che dimora nei più intimi recessi del mio cuore, e questa realtà la desidero offrire alle mamme di tutti i miei studenti. E come ho detto prima, non siete solo le loro madri, ma anche le mie madri in America. Vi auguro di scoprire in me un vostro figlio indiano. In onore della vostra visita desideriamo offrirvi il ​​nostro amore del cuore sotto forma di applausi.

(Termina con un applauso)

Parte III: Fiori di Apprezzamento

Seguono le reazioni delle Madri al pranzo, che hanno espresso alle loro figlie o trasmesse a Sri Chinmoy in note personali.

1.

È stato davvero un pomeriggio utile. Mi sono davvero divertita. Peccato che non l'abbia fatto prima, circa due anni fa. Ha risposto a molte domande che le madri avevano; mi ha tranquillizzato. Tutte le madri hanno apprezzato il tempo e la premura che sono stati dedicati alla giornata. C'è voluto molto lavoro. Una cosa bella era che tutti partecipavano alle attività e tutti erano così gentili e calorosi. Questa è stata un'esperienza molto simpatica e vicina. Sig.ra. B.D.

2.

Caro Sri Chinmoy,

Grazie mille per un piacevole pomeriggio. La tua ospitalità è stata molto apprezzata.

(Dai commenti alla figlia)

Ho sentito una sensazione molto, molto calorosa da parte di tutti coloro che presenti alla riunione. Tutti erano molto generosi e ospitali e mi sono sentita a casa. Il ristorante era veramente pulito; tutto era immacolato. Ho sentito che il tempo per le domande e risposte è stato molto positivo e tutte le domande che sono state poste sono state positive per me. Ho anche trovato il Primer informativo sulla natura del sentiero del Guru.

Sig.ra. RA.

3.

Domenica è stata un'esperienza deliziosa. Non solo è stato così bello essere invitata da mia figlia a un pranzo come questo, ma è stata un'esperienza significativa vedere che è circondata da amici così simpatici e affettuosi. Sig.ra. B.H.

4.

Il 9 marzo ho avuto l'onore di essere ospite di Sri Chinmoy e dei suoi discepoli a un pranzo al ristorante Annam Brahma. Siamo venuti come estranei, ma abbiamo trovato un terreno di incontro comune: le madri attraverso l'amore per i loro figli, i figli attraverso l'amore per il loro Guru e il Guru attraverso il suo amore per Dio. Il risultato è stata la sincerità, che per me è l'eccellenza. Il mio cuore era grato a Sri Chinmoy per la premura che ha ispirato nei giovani che hanno lavorato così duramente e generosamente per mostrarci il loro amore. La sensazione di gentilezza è stata solo offuscata dal sentimento di amore che è andato nei preparativi per farci accogliere. Il cibo era delizioso, i nostri regali erano bellissimi e le parole del Guru per noi e le sue risposte alle nostre domande erano rassicuranti come le facce luminose e felici intorno a noi. I sentieri che percorriamo sono diversi, ma sono contenta che possiamo raggiungerci e avere la comprensione per apprezzarci a vicenda. Sig.ra. M.W.

5.

Ci sono molte forme di bene nel mondo e quando ci si trova in presenza di uno, è la più alta forma di spiritualità riconoscerlo e goderne. Sig.ra. H.R.

6.

La vibrazione dell'amore, del rispetto reciproco, della comprensione, dell'intimità scorreva tra me e mia figlia in quella domenica pomeriggio speciale. Intellettualmente, spiritualmente, emotivamente eravamo tutt'una e in armonia. Quanto sono grata che possiamo crescere insieme, ognuno a modo suo. Sig.ra. E.W.

7.

È stato interessante e sono stata contenta di essere venuta. Volevo scoprire la vita di mia figlia e fare domande, anche se non ero in grado di fare tutte le domande che avevo in mente. A proposito, a mio marito è piaciuta la torta. Sig.ra. L.W.

8.

Caro Guru,

È stato un pomeriggio molto bello e interessante. Un milione di grazie per tutto.

(Dai commenti alla figlia)

[…] Spero per il meglio. Questo è davvero un periodo rivoluzionario a causa dei nuovi concetti che alterano i dogmi e le pratiche accettati dalla chiesa. Lo sconvolgimento rimodellerà i nostri pensieri religiosi passati, facendoli sembrare infantili. Forse siamo ora sulla soglia di una conoscenza più profonda e della convinzione di una vera Intelligenza Universale molto più avanzata di quanto non abbiamo mai avuto prima [...] E questo periodo è di dolore, perché porta le doglie di una nuova venerazione religiosa che può venire solo attraverso sfide che stimolano l'anima.

Sig.ra. A.F.

9.

Voglio ringraziarvi per un pomeriggio meraviglioso. Non potevo credere a tutto lo sforzo che ci avete messo. Deve essere stato necessario così tanto lavoro. Quei camerieri erano meravigliosi. E così erano le ragazze che preparavano il cibo nel ristorante. Il cibo era meraviglioso. L'intera preparazione è stata meravigliosa e i figli sono stati così gentili con noi. Non sono riuscita a superarlo. Tutti noi ci sentivamo così.

Le madri sono state semplicemente fantastiche. Le amavo. Eravamo estremamente compatibili. Vi capite completamente; ci capiamo completamente. Partiamo da una cosa in comune: lo smarrimento. Ma presto abbiamo visto che questa non è un'organizzazione stravagante; nessuno dei figli è un pazzo. Non ho mai incontrato nessuno nella tua organizzazione che non mi piacesse. I genitori sentono che qualunque cosa sia, è qualcosa che i nostri figli hanno dovuto fare.

Ero sbalordita perché non pensavo che il Guru, Sri Chinmoy, avrebbe osato rispondere alle nostre domande. Stava affrontando un pubblico, la maggior parte delle persone non voleva credere. Certo, rispondeva a tutto a modo suo, ma come poteva rispondere alle cose a modo nostro? È una questione di fede. Chiedi a qualcuno perché è un cattolico devoto. Qualunque cosa dica, si riduce a: "Perché credo." Non c'è modo di contestare questo genere di cose intellettualmente o emotivamente.

Il fatto è che stavi provando. Anche solo il fatto che ci avevi lì ci ha stupito. Dicevi che non ci stavi buttando fuori dalle vostre vite. Lo hai reso abbastanza chiaro. Hai avuto successo e per favore fallo di nuovo.

Sig.ra. J.S.

10.

Per favore, porta i miei ringraziamenti a Sri Chinmoy per la deliziosa cena di madre e figlia che ha reso possibile domenica scorsa.

Ho scoperto che molte delle mie domande hanno avuto risposta e sono sicuro che ha dato a tutte le madri una migliore comprensione degli obiettivi dei loro figli.

Con amore,

Mamma,

Sig.ra. R.G.

11.

Vorrei esprimere la mia più profonda gratitudine per una piacevole domenica. Il mio scopo principale nella vita è sempre stato quello di allevare i miei figli ad essere buoni cristiani e renderli felici.

Mia figlia, seguendo gli insegnamenti spirituali di Sri Chinmoy, è in pace con se stessa e con il mondo. Potrebbe una madre chiedere di più per qualcuno che significa tutto il mondo per lei?

Sig.ra. E.T.

12.

Mi è piaciuto il pomeriggio; è stato molto piacevole. È stato molto gentile da parte del Guru pensare a noi, preoccuparsi di noi. La sua sincerità traspare. Sig.ra. M.C.

13.

È stato un pranzo delizioso. Tutti si sono dati molto da fare.

Mi ha fatto piacere vederti molto felice.

Sig.ra. B.W.

14.

Amo in te tutti, amo attraverso di te il mondo, amo in te anche me stesso.

— Erich Fromm

Grazie per l'opportunità di condividere un pomeriggio molto piacevole con mia figlia e le sue amiche.

Sig.ra. A.K.

From:Sri Chinmoy,Quattordici madri americane e quattordici figlie americane con Sri Chinmoy, Agni Press, 1975
Sourced from https://it.srichinmoylibrary.com/fam