Materia e Spirito

Materia e Spirito sono senza inizio. La Materia è la sostanza primordiale. La Materia è in continua evoluzione. Lo Spirito è sempre statico. La Materia possiede infinite qualità. Lo Spirito vede e le ratifica. La Materia fa, cresce e diventa. Lo Spirito è coscienza. Lo Spirito è il testimone. La Materia è la creatività infinita. Lo Spirito è la realtà nell'uomo. Lo Spirito è il percettore della materia. Colui che ha realizzato il Silenzio eterno dello Spirito (del Purusha) e la danza cosmica della Materia (di Prakriti), può vivere in ogni ambito della vita, sia come dottore che come filosofo, poeta o cantante. Ha raggiunto la perfezione della realizzazione suprema. Ci sono alcuni che realizzano lo Spirito Supremo in meditazione; altri per conoscenza (la filosofia di Sankhya). Ci sono anche altri che realizzano lo Spirito Supremo con lo Yoga dell'Azione e il Servizio Disinteressato. Inoltre, ci sono quelli che non ne sono consapevoli, ma che hanno sentito parlare dello Spirito Supremo dagli altri e che hanno iniziato ad adorarLo nella devozione e si aggrappano fermamente alla Verità. Passano anche oltre la mortalità e oltrepassano le insidie della morte.

Lo Spirito è nella Materia. Esso assapora le qualità nate dalla materia. Esso esperimenta l'esistenza fisica. Le qualità acquisite determinano la sua rinascita. Lo Spirito è il Sé Supremo. Sebbene sia padrone del corpo, sperimenta la vita mortale.

La via per Dio è vedere la Vita Eterna nella vita fugace, sapere che Prakriti, non Purusha, è attaccata all'azione. Tutte le attività, dice la Gita, divine e non divine, nascono in Prakriti. Purusha è senza azione. Nessuna azione è possibile in Purusha, poiché Purusha trascende sia il tempo che lo spazio. Eppure senza Purusha, non c'è universo, nessuna manifestazione.

Lo spirito esiste in Sé ed è onnipervadente, sia all'interno del corpo che fuori dal corpo, lo Spirito rimane sempre non influenzato.

Sapere che Purusha e Prakriti sono una sola cosa ed inseparabile è conoscere la Verità, la Verità dell'Unità e la Divinità nell'umanità, che alla fine si manifesterà come la Divinità dell'Umanità.

La Gita non ospita una metafisica arida e logica. I suoi insegnamenti non hanno bisogno di alcun supporto di argomentazioni intellettuali. La ragione umana non può bussare alla porta della Realtà Trascendentale, mai. Cos’è la Gita, se non la Realtà Trascendentale incarnata in modo supremo e divino?

Ogni essere umano deve imparare cinque segreti supremi dalla Gita: 1). Vedi la Verità. 2). Senti la Verità. 3). Sii la Verità. 4). Rivela la Verità. 5). Manifesta la Verità.

In questo capitolo osserviamo che la Gita è allo stesso tempo il significato della vita e l'interpretazione divina della vita. Sfortunatamente, questo particolare capitolo è diventato vittima di polemiche controverse, nonostante il fatto che la Gita, dall’inizio del suo viaggio fino alla fine del suo viaggio, non presenti alcuna contraddizione. La Gita vede e rivela solo il volto dell'unità della Verità nella molteplicità. Studiosi e commentatori sono in guerra tra loro sulle loro teorie, né i filosofi sono inclini a evitare questa battaglia. Ognuno è ispirato a imporre le sue alte teorie sugli altri, ma un vero cercatore della Verità Suprema è veramente saggio. Prega il Signore Krishna di avere la Gita come sua esperienza personale. Sri Krishna sorride. Il devoto proclama:

Tu mi hai dato così tanto,

Dammi una cosa in più, un cuore grato.

Non grato quando piace a me.

Come se le tue benedizioni avessero giorni liberi;

Ma un tale cuore, il cui pulsare possa essere

La tua lode


— Mr. Herbert


Ecco, il devoto ha vinto la gara! Il devoto ha bisogno di un Guru, il Maestro. Sri Krishna è il Guru e Arjuna è il discepolo. Un eminente studioso indiano, Hari Prasad Shastri, scrive:"Il Guru, o Maestro, è una necessità assoluta per la realizzazione della Verità? La risposta secondo la Gita è "Sì". Il Guru è la persona che insegna l'unità dell'anima con l'Assoluto e che vive la vita di Sattva. Egli può essere di ciascun sesso, secondo la Gita, non deve essere un recluso, che vive sulle nevi dell'Himalaya, tagliato fuori dal mondo, che parla solo attraverso selezionati apostoli, e che invia lettere fantastiche attraverso la "posta astrale". Il Guru della Gita è un uomo come ogni altro uomo buono, che tutti possono vedere in qualsiasi opportuno momento, che vive nella società umana e non rivendica alcuna superiorità sugli altri."

Alla fine la Gita ci dice che il Guru di tutti i guru, il vero Guru, è Dio.

From:Sri Chinmoy,Commento alla Bhagavad Gita: Il canto dell’Anima Trascendente, Agni Press, 1971
Sourced from https://it.srichinmoylibrary.com/cbg